Lez.16 - L'onda di vita nei regni inferiori - Sapienza misterica

SAPIENZA MISTERICA
Sapienza Misterica
Vai ai contenuti
ANIME O COSCIENZE DI GRUPPO
Una Monade, un Frammento Divino, nel corso della manifestazione si appropriò di un atomo su ciascun sottopiano atomico, per avervi un centro della Sua Coscienza. Questi atomi detti permanenti, furono poi inglobati nelle forme di coscienza, minerali, vegetali e animali per raccogliervi quelle esperienze immagazzinate sotto forma d’informazioni, quale conoscenza o esperienza di fatti vissuti. La parola “informazione”deriva dal sostantivo latino informatio(-nis), dal verbo informare, nel significato di “dare forma alla mente”.
Generalmente parlando, un’Anima Gruppo o Collettiva è un insieme di triadi di atomi permanenti contenute in un triplice involucro di essenza monadica, fisica, emozionale e mentale. Essenza Monadica è il nome dato alla materia atomica. Lo strato più interno è costituito da atomi del Piano Fisico; il secondo strato dell’involucro dell’Anima Collettiva è di essenza monadica kamica o emozionale; il terzo strato è formato da unità del quarto sottopiano mentale. Questo triplice involucro serve a proteggere e nutrire le triadi di atomi permanenti.
L’Universo è costruito sulla cosmologia dei frattali. I frattali sono schemi che si ripetono su scale sempre più piccole, vale a dire un modello nel macrocosmo si ripete nel microcosmo. La Vita Una si differenzia in Sette correnti, ciascuna sette modificazioni. Ognuna delle 49 varietà della Vita Una segue il proprio sviluppo caratteristico in tutti i grandi regni della natura, minerale, vegetale, animale e umano. Sul Piano fisico vi sono in attività Sette Anime Collettive, che ben presto si moltiplicano, col moltiplicarsi dei sottopiani distinti. Queste Anime Gruppo sono divise in sette volte sette (7x7=49) correnti.
Le Anime Gruppo si possono definire come Coscienza di singole specie o gruppi H.P. Blavatsky chiama gli atomi permanente dei due piani e mezzo inferiori (Triade inferiore), atomi vitali che non vanno mai interamente perduti alla morte. Noi consideriamo come “atomi vitali” e chiamiamo con questo nome, nella nostra terminologia occulta, quelli che sono animati dall’energia cinetica, mentre chiamiamo “atomi latenti” quelli che per il momento restano passivi e non contengono che un’energia potenziale invisibile,tuttavia, consideriamo queste due forme di energia come prodotte da una sola e stessa forza a vita.”
Tutte le forme fisiche dense siano, un animale, un albero, una goccia d’acqua o un minerale, sono in se stesse delle vite elementali costruite con sostanza vivente. I regni minerale, vegetale, e animale, rappresentano i corpi di manifestazione materiale o forme fisiche, di corrispondenti “anime di gruppo”.
È utile ricordare che nei tre regni inferiori [minerale, vegetale, animale] la manifestazione o la comparsa sul piano fisico è sempre una manifestazione di gruppo, e non la comparsa di unità separate. Ogni anima di gruppo, com’è detta, è divisa in sette parti[1].
Dopo un lungo periodo passato ad animare le forme del tre regno minerale, l’onda di vita arriva a identificarsi con esse ed è in grado di animare le parti eteriche del regno minerale, e quindi le rocce, le profondità degli oceani, fino ad animare la materia più densa di quei minerali percettibili dai nostri sensi. Vediamo, infatti, le società molecolari dei cristalli organizzate e rette da un principio di orientazione geometrica che le dà forma simmetrica in cubi, prismi, poliedri ecc.
I terremoti, le eruzioni, i processi di erosione ecc., hanno come scopo, quello di provocare questa risposta da parte delle anime collettive, che abitano il regno minerale. Ogni minerale contiene dunque al suo interno un potere, una forza, una vita spirituale, dormiente ma latente, che è a sua volta in grado di influenzare l’ambiente circostante: alle pietre vengono infatti attribuite proprietà curative o benefiche.
Quando l’anima collettiva di un gruppo minerale tra i più avanzati, come ad esempio quella del diamante, arriva al suo apogeo evolutivo, sente la necessità imperiosa di proseguire la propria evoluzione, verso forme di vita e di coscienza più complessa. Utilizzando la “radioattività” come porta di trasmigrazione spirituale, “entra” allora in una delle più semplici varietà del regno vegetale (per esempio la muffa), compiendo così il passo dal regno minerale al regno vegetale, e incominciando un nuovo e più ampio pellegrinaggio evolutivo, nel regno vegetale.
In generale, si può dire che l’evoluzione della materia cominci sempre dagli elementi più semplici, per arrivare poi ai più complessi, costruendo man mano corpi di manifestazione sempre più nobili e perfetti. Questa è l’Evoluzione: una forza soggettiva che colpisce “efficacemente” il corpo o l’involucro di manifestazione fisica o obiettiva.
Nel regno vegetale esiste una grande ed evidente varietà evolutiva: si può notare, considerando la differenza che c’è tra un semplice filo d’erba e una bellissima pianta di alto fusto, tra un fungo e la bellezza di un fiore. Nei vegetali l’evoluzione comincia con erbe e muschi e termina con i grandi alberi come ad esempio la quercia. Il livello evolutivo di tale regno si può riscontrare anche considerando la nota, quanto misteriosa sensibilità naturale delle piante alla luce solare, all’umidità, al caldo e al freddo. Ultimamente si sta anche studiando la risposta dei vegetali alla musica, alla vibrazione del suono e agli effluvi di affetto delle persone. Ovunque ci sia vita, evoluzione e movimento sensibile, c’è consapevolezza, c’è un’anima, non come quella umana, bensì un’invisibile natura spirituale che le mantiene vitali. Il maestro D.K. afferma che il regno vegetale è quello che ha raggiunto il maggiore grado di evoluzione o perfezione: con le piante è, infatti, possibile curare in pratica tutto, mentre il loro profumo è capace di elevarci spiritualmente o addirittura di purificare uno spazio a livello kamico, come ad esempio nel caso del sandalo.
La Scintilla è sospesa alla Fiamma con un sottilissimo filo di Fohat essa viaggia attraverso i sette mondi di maya. Si ferma nel primo ed è un metallo e una pietra; passa nel secondo ed ecco una pianta; la pianta passa attraverso sette cambiamenti, e diviene un animale sacro. Dalla combinazione degli attributi di questi, Manu, il Pensatore, è formato[2].
Lo stesso processo di trasmigrazione spirituale descritto per i minerali verso il regno vegetale, avviene anche per il regno vegetale, verso il regno animale. Così quando l’anima di gruppo di una certa specie vegetale, raggiunge il suo livello massimo di evoluzione nel regno di appartenenza, sente un impellente richiamo verso forme più complesse, come sono quelle animali. L’Anima Gruppo degli animali è costituita di una certa determinata quantità di materia mentale dei quattro sottopiani inferiori.
L’essenza vitale, come dice uno dei Maestri, si metallizzò nel mondo minerale, determinando la nascita e l’ordinamento delle anime-gruppo minerali e polarizzandone l'attenzione evolutiva, sin da allora, sul piano eterico, sì che, alla fine di lunghi cicli, tramite l'attrito continuo sugli atomi ultimi, costituenti la base organica del primo e più alto strato eterico fisico-denso, se ne estrassero dei campioni-sintesi, da far defluire nella successiva incarnazione alla minerale: la vegetale. Gli atomi ultimi eterici, provenienti dal regno inferiore, si unirono ai campioni degli atomi ultimi astrali, che avevano resistito alla pressione evolutiva nel regno vegetale. Tali due atomi ultimi, condotti dall’essenza vitale, o monadica, che aleggiava su di loro, nello sfondo della Prima Emanazione, s’innestarono nel regno animale. Gli animali possiedono corpo, desiderio e un barlume d’intelligenza concreta.
Nell’Anima Gruppo di un minerale,il più interno dei tre involucri è costituito d’atomi del Piano Fisico, animati dalla vita del Secondo Logos. Il secondo strato di essenza monadica è costituito da essenza monadica del piano kamico o del desiderio. Il secondo strato di essenza monadica è costituito di unità del quarto sottopiano piano mentale[3]. Durante l’evoluzione minerale, si può dire che l’Anima Collettiva risiede nel suo involucro più denso, il fisico.
Le Anime Gruppo che contengono gruppi di Triadi di atomi permanenti, galleggiano nell’oceano della materia come tanti palloni ripieni d’informazioni, di consapevolezza, di una specie, di un gruppo non ancora individualizzato nei suoi singoli elementi. Per semplicità la figura seguente contiene solo una triade per Anima di Gruppo.
Figura 1. Anime Gruppo
Gli Atomi Permanenti che sono contenuti in questo involucro, sono paragonabili a semi, che una volta piantati nella loro terra crescono e fruttificano secondo l’informazione contenuta al loro interno. Così, come un seme di quercia produce una quercia, e quello di una rosa viola una rosa viola, ugualmente ciascun Atomo Permanente crea un corpo che rispecchia la qualità dell’informazione contenuta in esso.
Quando le vite racchiuse nel minerale avanzano nel regno vegetale l’involucro di essenza monadica fisica lentamente svanisce, quasi assorbito da esse e l’attività dell’Anima di Gruppo si trasferisce sul piano delle emozioni, a nutrire l’involucro emozionale. Restano le informazioni memorizzate nell’atomo o nucleo di memoria permanente fisica. In seguito l’attività dell’Anima di Gruppo si trasferisce sui sottopiani mentali, ove nutre i nascenti involucri mentali, restano le informazioni memorizzate nell’atomo o nucleo di memoria permanente emozionale.
Il fatto che gli animali posseggano un’Anima di Gruppo spiega anche l’aspetto, per noi uomini piuttosto misterioso, degli istinti ereditari: il papero che appena uscito dall’uovo si tuffa nell’acqua, senza che nessuno gli abbia insegnato a nuotare o il pulcino che tremante si nasconde, vedendo avvicinarsi l’ombra di un falco. Osservando i movimenti degli assembramenti di anime gruppo di animali si percepiscono come un unico organismo, come se i singoli animali non siano altro che cellule dello stesso organismo, e che lo scopo principale di tale organismo sia la propria sopravvivenza, a scapito, anche,della sopravvivenza del singolo. La stessa cosa accade nel nostro corpo animale, il quale elimina costantemente un certo numero di cellule morte (attraverso la desquamazione cutanea, i capelli, le unghie, ecc.) e altrettante cellule si rigenerano ogni giorno, in un continuo equilibro che varia con l’età.
Un delfino nonostante il suo elevato livello evolutivo e la sua incontestabile intelligenza, non ha un’individualità definita,perciò quando la sua essenza spirituale, morendo abbandona il corpo, quella stessa “essenza invisibile” torna a fondersi con l’anima di gruppo dei delfini[4]. Non così succede agli uomini, i quali possiedono un’anima individuale, che dopo la morte del corpo fisico, continua ad esistere come entità separata.
L’anima di gruppo è dunque un livello di esperienza che l’anima animale fa sul piano fisico, ma che non riguarda specificatamente il singolo, ma un numero molto maggiore di animali. Essa è per definizione un’anima, e dunque un’essenza che vive nel sentire; non a caso gli animali sentono che è giunto il tempo di emigrare, sentono che la rotta giusta è in una direzione piuttosto che in un’altra; sentono che è giusto raggiungere quel posto piuttosto che quell’altro. I sensi del regno animale sono una facoltà di gruppo che si manifesta come istinto della specie. I sensi dell’uomo sono un suo patrimonio individuale. Esiste, una netta differenza di esperienza terrena tra l’anima di un animale selvatico e quella di un animale domestico, e tale differenza consiste proprio nell’emancipazione che quest’ultimo fa, in virtù dello stretto contatto con l’umano, nei confronti della sua anima di gruppo.
Per successiva suddivisione del numero di unità contenute in un’Anima Collettiva, si giunge a ottenere un’Anima Singola che rinchiude un’unica triade. Quando l’Anima di Gruppo non contiene più che una triade di atomi di memoria permanente, allora è giunto il periodo di ricevere il terzo impulso evolutivo, la Terza Onda di Vita proveniente dalla Monade.
In che modo la vita minerale, vegetale, animale si differenzia? Attraverso le memorizzazioni delle informazioni contenute nelle bolle quantiche che formano gli atomi, fisici, emozionali e mentali. Prendiamo ad esempio in esame un’Anima-Gruppo animale, quella dei Canidi formata da materia mentale dei quattro sottopiani inferiori. Le diversità di clima i diversi tipi di ambiente porteranno i vari gruppi a compiere esperienze diverse. Con il passare del tempo le esperienze e le informazioni si accumulano e si separeranno differenti nuclei: lupi, volpi, sciacalli, cani. Dal gruppo dei cani selvatici si separerebbero i vari gruppi di animali domestici,che dato l’ambiente favorevole cominceranno a rispondere alle rapide vibrazioni dirette dai loro padroni, finché in alcuni esemplari già prima della morte avverrà la separazione della loro triade inferiore dalla Coscienza collettiva dei Canidi e del loro particolare sottogruppo.
[1] Trattato del Fuoco Cosmico, pag. 1136.
[2] Dottrina Segreta, Stanze di Dzyan VII, 5.
[3] A. Besant, Studio sulla Coscienza. Anime Collettive.
[4]I principi superiori sono latenti negli animali. - S.D., II, 266, 279.

 
 
Sapienza Misterica
Torna ai contenuti