Parte XVI - Il Manas - Sapienza misterica

Sapienza Misterica
Vai ai contenuti

Menu principale:

Parte XVI - Il Manas

Fuochi e Raggi Cosmici Manas

ORIGINE DEL MANAS COSMICO
 
Sui livelli cosmici un suono potente fu proferito da COLUI DEL QUALE NULLA SI PUÒ DIRE quando raggiunse il Piano Mentale Cosmico, provocò una vibrazione della materia di quel piano, ne arrestò la tendenza a dissiparsi, le fece prendere una forma sferoidale, e con essa costruì un corpo che è mantenuto in forma coerente da una potente Entità, il Deva Signore Raja del Piano Mentale Cosmico. Certe grandi Entità divennero attive, e tra queste quegli Esseri che vanno sotto il nome di Logoi Solari. Nello stesso modo la parola del Logos Solare giunge sul Piano Mentale sistemico e costruisce un corpo sferoidale.
 
Il Logos Solare è l’incarnazione del Manas Cosmico, un Fuoco Cosmico, e mediante l’uso di questa facoltà cerca, per mezzo della forma animata, di costruire nel Suo corpo causale cosmico la corrispondente qualità di Amore-Saggezza. Nel Logos Solare, la Mente Cosmica, o quinto principio, è la Sua caratteristica principale ed è stata da Lui perfezionata in un sistema precedente. Egli è l’incarnazione del Manas Cosmico, e mediante l’uso di questa facoltà cerca, per mezzo della forma animata, di costruire nel Suo corpo causale cosmico la corrispondente qualità di Amore-Saggezza.
 
Nelle “lettere sulla meditazione occulta”, il Maestro D.K. ci informa che il Logos Solare, sui Piani Cosmici, lavora al problema della mente cosmica; che Egli opera nel suo sistema solare fisico, e che Egli è polarizzato nel suo corpo astrale o emotivo cosmico e sta sviluppando la mente cosmica. Il Logos Solare, dunque, non è ancora polarizzato nella mente cosmica. Sembrerebbe che Egli abbia raggiunto molto secondo la linea della mente cosmica ma che, forse, è l’allineamento con i livelli superiori del Piano Mentale Cosmico che è il Suo obiettivo, cioè la costruzione dell’Antahkarana Cosmico. Non è ancora, ci viene detto, un iniziato cosmico del terzo grado in cui è raggiunta una polarizzazione mentale più elevata (per analogia con l’uomo). Potremmo chiederci quale caratteristica sia stata perfezionata dal Logos Solare nell’ultimo sistema solare. Dovrebbe essere stata il dominio dei quattro sottopiani inferiori del Piano Mentale Cosmico. Questa sarebbe una possibilità secondo la natura di Terzo Raggio di quel precedente sistema solare in cui il Raggio della personalità del Logos Solare era il Terzo.
 
Nel sistema solare precedente lo scopo evolutivo era la fusione dei Fuochi della Materia, latenti e radianti e attivi prima, e poi con i Fuochi della Mente. Nel sistema solare precedente dominato dall’aspetto Brahma, atomi e mente erano probabilmente termini sinonimi. Ne risultò il Raggio Primordiale della Materia Attiva Intelligente, base dell’evoluzione presente. Fu il periodo della vivificazione delle spirille nell’atomo permanente fisico del Logos Solare. Nel precedente sistema solare, gli Uomini Celesti avevano seguito questo metodo, e questi avanzati Esseri cosmici presero coscienza e padroneggiarono i tre Piani inferiori del Fisico Cosmico, che ora l’uomo si sforza di padroneggiare. La fusione dei Fuochi della Materia con i Fuochi della Mente ha il risultato d’energizzare la totalità degli atomi di materia del corpo. Questo è il segreto dell’immensa resistenza dei grandi pensatori e lavoratori dell’umanità.
 
Due Fuochi raggiunsero un alto grado di perfezione nel sistema solare precedente:
a.      Il Fuoco per Attrito dell’atomo nel suo duplice aspetto, interno e radiante;
b.      I Fuochi della Mente.
 
È la trasmutazione di questi che interessa dal punto di vista umano; il terzo fuoco, dello Spirito, non è ancora da considerare in questo stadio (FC 483). Un Fuoco è chiamato dai descrittori calore vitale e attività vibratoria. Dobbiamo renderci conto che il Manas Cosmico è un calore vitale e un’attività vibratoria.
 
Il Vecchio Commentario li esprime occultamente così:
 
“Le vite ignee ardono nel seno della Madre.
“Il centro igneo si estende alla periferia del cerchio, e sopravvengono la dissipazione e la pace pralayca.
“Il Figlio ritorna nel seno del Padre, e la Madre resta quiescente.”
 
I Maestri, in accordo con i grandi Deva, si occupano di questo processo di trasmutazione, e si può considerare che ogni “settore” si occupi di uno dei tre stadi.
·        Quello del Mahachohan, con le sue cinque divisioni, si occupa della combustione delle vite ardenti.
·        Quello del Manu si occupa della forma o anello invalicabile che racchiude le vite ardenti.
·        Quello del Bodhisattva si occupa del ritorno del Figlio nel seno del Padre.
 
Entro il dipartimento del Mahachohan si può tracciare una suddivisione secondaria secondo questo schema:
o   Il Settimo ed il Quinto Raggio si occupano del ritorno del Figlio al Padre, e sono in gran parte impegnati nell’effondere potenza energetica quando è necessario trasferire la vita del Figlio da una forma vecchia in una nuova, da un regno della natura a un altro sul Sentiero del Ritorno.
o   Il Terzo ed il Sesto Raggio si occupano della combustione delle vite ardenti.
o   Il Quarto Raggio fonde i Due Fuochi entro la forma atomica (FC 484).
 
Il corpo di manifestazione del Logos Solare è composto dagli Schemi Planetari degli Uomini Celesti. Il corpo di manifestazione dell’Uomo Celeste è composto dagli Uomini e dai Deva.
 
L’UOMO
a.      La fusione del Fuoco della Materia col Fuoco della Mente libera dai tre mondi.
b.      La fusione del Fuoco Elettrico con gli altri due Fuochi causa la liberazione dai Cinque Piani Inferiori, e mette l’uomo in grado di funzionare coscientemente sul Piano Fisico Cosmico.
 
L’UOMO CELESTE
a.   La fusione dei Fuochi della Materia e della mente lo libera dai Tre Piani della Sua manifestazione.
b.   La fusione del Fuoco Elettrico causa, nel Suo caso, l’evasione dall’anello invalicabile planetario, e Gli consente di funzionare coscientemente sul Piano Astrale Cosmico.
 
IL LOGOS SOLARE
a.      La fusione dei Fuochi della Materia e della Mente lo libera dall’anello invalicabile solare, e gli dà la liberazione dai Piani Cosmici Fisico ed Astrale e dai sottopiani inferiori del Piano Mentale Cosmico.
b.      La fusione del Fuoco Elettrico con gli altri due lo mette in grado di funzionare coscientemente nel Suo corpo causale, e questo parallelamente al lavoro dell’Uomo nei tre mondi (FC 341).
 
In questo sistema solare, dominato da Vishnu, dal Raggio dell’Amore Saggezza, atomi e anime sono sinonimi. Nel prossimo sistema solare governato da Shiva, dal Raggio della Volontà, gli atomi e il terzo fattore, il puro spirito, potranno essere termini sinonimi.
 
In questo sistema solare, certi progressi non sono altro che ricapitolazioni di processi evolutivi subiti nel sistema solare precedente; la chiave di ciò sta nello studio del principio manasico o mentale. Gli Angeli Solari, il fattore intelligente individualizzante, furono (da un certo angolo visuale) il prodotto di un sistema precedente, ed attesero solo il momento in questo sistema in cui le forme dei tre regni raggiungessero un punto sintetico di sviluppo che rendesse possibile di impressionarle ed influenzarle dall’alto. Il Fuoco Della Mente proviene da una costellazione di cui la scienza moderna non ha finora riconosciuto lo stretto rapporto col nostro sistema solare, data l’enorme distanza, questa costellazione è quella del Cane Maggiore, dove la stella più luminosa è Sirio. Ci viene ripetuto che il sole “Sirio” è la fonte del Manas Logoico Solare, così come le Pleiadi sono collegate all’evoluzione del Manas nei sette Uomini Celesti, e così come spettò a Venere di far entrare la mente nella Catena della Terra. Sirio è la sorgente da cui emana il Manas. Lì deve portarsi il mistico per divenire ciò che è chiamato “una scintilla di elettricità mahatica”.
 
Sirio rispetto al Logos Solare sta nel rapporto anima personalità. Sirio, il Cristo Cosmico, è la fonte del Manas che emana dai tre sottopiani superiori del Piano mentale Cosmico, dove è posto il Loto Egoico Cosmico. Il principio del Manas fa parte del carattere del Logos Solare, e fa parte della Sua natura stessa. Esso perciò ha origine nel Suo Essere; fa parte del contenuto del Corpo Causale Logoico, e perciò impregna tutta la manifestazione che ha origine da Lui. Da qui la giustezza dell’affermazione che il Manas Cosmico ha origine sul Piano Mentale Cosmico, ed è parte del Fuoco che anima quel Piano.
 
I Sutra di Param Shiva ci dicono che tutte le manifestazioni nel Piano Fisico Cosmico, in cui il nostro sistema solare esiste, sono dovute alle emissioni elettriche provenienti dal Piano Mentale Cosmico del sistema della stella Sirio.
 
Nel Trattato sul Fuoco Cosmico è detto che il Governatore del Fuoco, Agni è il Signore del Piano Mentale Cosmico, e che Egli è il Fuoco della Materia e il Fuoco della Mente uniti e fusi. Egli è l’intelligenza che palpita in ogni atomo; Egli è la Mente che attiva il sistema; Egli è il fuoco della sostanza e la sostanza del fuoco; Egli è la vita che anima il sistema solare, e questa vita è la vita di Dio, l’energia del Logos, e la manifestazione della radiosità che vela il Sole Centrale.
 
È la vita di Agni che unifica, e fonde la triplice natura del Logos Solare quando è in incarnazione fisica; è la forza di coesione che fonde in un’unità la triplice Personalità logoica. Agni è la totalità di quella parte dell’Ego Logoico che si riflette nel Suo veicolo fisico; Egli è la vita della Personalità del Logos Solare, con tutto ciò che questa espressione comporta (FC 603). In altri termini Agni, deve essere considerato una porzione dell'energia/coscienza del Logos Solare, solo per la personalità Cosmica, quella parte che è focalizzata sui sottopiani inferiori del Mentale Cosmico, Astrale Cosmico e principalmente focalizzata sul Piano Fisico Cosmico. Poiché Agni è il Signore del Piano Mentale Cosmico ne segue che Agni, Fohat e Brahma possono essere considerati equivalenti.
 
Il Manas è il quinto principio o la vibrazione fondamentale del Piano Mentale Cosmico, il Quinto Piano; fu perciò l’impulso originato dai livelli causali del Piano Mentale Cosmico che portò in manifestazione il nostro Logos Solare, nello stesso modo in cui la forza che porta in incarnazione l’uomo emana dal suo corpo causale sul Piano Mentale del sistema solare.
IL MANAS È LA SINTESI DI CINQUE RAGGI
 
Brahma è il Signore Cosmico dell’Attività Intelligente ed è in relazione con il III Piano Cosmico. Il corpo causale dell’uomo si trova sul Terzo sottopiano del Quinto sottopiano del Fisico Cosmico, cioè il Manas Terrestre. Il corpo causale dell’Uomo Celeste si trova sul Terzo sottopiano del Piano Mentale Cosmico[1], il più basso sottopiano astratto, quello sul quale il Raggio del Terzo Logos provvede la necessaria “luce per la costruzione”. Questo perché ogni sottopiano cade sotto l’influsso particolare del suo Numero, Nome o Signore.
 
Il Terzo Raggio dell’Attività Intelligente è il Raggio del Manas e, in un certo senso, più evoluto degli altri Due Raggi Principali, più ampiamente manifestato. Ciò dipende dal fatto che il Terzo Raggio era predominante nel precedente Sistema o Solare Maha Kalpa: la “grande età” grande Ciclo (100 anni di Brahma), ed ha raggiunto in esso il suo pieno sviluppo, è il fondamento di questo sistema, mentre il Secondo è il Raggio predominante dell’attuale Ciclo, e non giungerà a piena manifestazione che alla fine di questo Ciclo (si tratta di Cicli di durata enorme). Incarna la vibrazione fondamentale del nostro sistema solare, è il grande Fuoco Interno che anima e vitalizza il tutto, muovendo dal centro alla periferia. Nel suo aspetto più alto e perfetto il Terzo Raggio corrisponde al Terzo Piano o sfera di vita, chiamato Piano Atmico, che costituiva il culmine della perfezione nel precedente Sistema o Ciclo Solare. Nell’attuale sistema, invece, tale perfezione per l’uomo è costituita dal Piano Monadico, ove hanno sede le Monadi, le quali costituiscono l’elemento più alto, veramente divino dell’essere umano, di cui l’Anima è espressione e strumento, così come la Personalità è organo e strumento dell’Anima.
 
Il Piano Mentale è il Quinto. Il Manas è la facoltà unita di Quattro Uomini Celesti, sintetizzata da un Quinto Uomo Celeste sul Terzo Piano del sistema. Questi Cinque Uomini Celesti furono l’incarnazione logoica in un sistema precedente, e conseguirono la pienezza della vita manasica. La vita sintetica di questi Uomini Celesti è quella che s’intende soprattutto quando parliamo di Brahma, di quell’Entità cosmica che è la totalità dell’Intelligenza Attiva logoica. In mancanza di termini migliori li chiamiamo i Signori dei Quattro Raggi Secondari, che trovano la Loro sintesi nel Terzo Raggio dell’Attività.
 
·        I R.    Il Signore Cosmico della Volontà o Potere
·        II R.   Il Signore Cosmico dell’Amore-Saggezza
·        III R.  Il Signore Cosmico dell’Intelligenza Attiva (verde).                        1.
o   IV R.  Il Signore Cosmico dell’Armonia e dell’Arte (giallo)                   2.
o   V R.   Il Signore Cosmico dell’Intelligenza Concreta (arancione)          3.
o   VI R.  Il Signore Cosmico dell’Idealismo Astratto o Devozione (rosa)    4.
o   VII R. Il Signore Cosmico della Magia Cerimoniale (violetto)                5.
 
Queste Quattro Entità funzionano mediante il Quarto Etere Cosmico, il Piano Buddhico Cosmico ed hanno perciò dei veicoli di materia buddhica. Essi si fondono nella più grande vita del Signore del Terzo Raggio di Aspetto sui livelli atmici, e questi Quattro, insieme al Raggio di Sintesi che è il Terzo, costituiscono la totalità dell’energia manasica. I Cinque Uomini Celesti sono stati chiamati i Cinque Figli nati dalla Mente di Brahma. Essi sono la vita dei Cinque Piani inferiori, e la Loro sfera d’influenza principale è sulla divisione inferiore, o terza divisione dell’universo manifestato, ossia sui Piani Quinto Sesto e Settimo: Mentale, Astrale e Fisico. Il Secondo Raggio ha la sua sfera d’influenza sui tre Piani superiori, cioè Quarto Terzo e Secondo, e il Primo che incarna l’energia del Primo Raggio ha la sfera d’influenza sul Primo Piano.
 
Brahma è anche descritto con cinque facce o cinque teste (Panchasya), i cinque Dhyani Buddha del Buddhismo. L’allegoria dei volti dell’universo indica che la figura dell’universo è delimitata dai Pentagoni. La filosofia misterica afferma che l’universo è costruito simmetricamente utilizzando come modello pentagoni regolari, che uniti tra loro forma ovviamente un Dodecaedro, il modello geometrico imitato dal Demiurgo nella costruzione dell’universo materiale.
 
Questi Cinque Raggi rappresentano il Manas o Mente. I Cinque Signori dei Raggi sono rappresentati dai Cinque Kumara, e con gli altri Due abbiamo i Sette Kumara o Costruttori dell’universo. I Cinque li possiamo considerare come:
a.      Il Quintuplice aspetto di Brahma.
b.      Essi furono i Cinque Raggi principali nel primo sistema solare, i Cinque Uomini Celesti individualizzati chiamati, i Figli nati dalla Mente di Brahma. Mediante l’individualizzazione dei Quattro in quel sistema, fu prodotta l’individualizzazione della grande Entità cosmica che chiamiamo Brahma. Egli s’individualizzò ed i Quattro costituirono il contenuto del Suo corpo.
c.      Gli insuccessi dell’ultimo sistema solare. - S.D., II, 243. Un Raggio, il VII, fallì il suo compito.
d.      Essi sono rappresentati sulla nostra Terra dai Cinque Kumara che obbedirono alla legge e presero forma, come H.P.B. accenna in vari passi della Dottrina Segreta.
 
Figura 1. Brahma dalle Cinque Teste - La stella di Brahma
 
Questi Cinque Signori Cosmici formano la stella a Cinque punte di Brahma, il suo quintuplice aspetto. L’individualizzazione della grande Entità cosmica che chiamiamo Brahma, ed i Quattro costituirono il contenuto del Suo corpo. Questi Cinque Signori Cosmici svilupparono il Manas in un sistema precedente: sono i Kumara Cosmici e rappresentano le prime Cinque delle Dodici Gerarchie Divine.
 
Il terzo aspetto Brahma, combinato con il secondo Vishnu, insieme, formano la totalità dei Divini Manasaputra. Essi sono la Volontà che utilizza la materia, o sostanza intelligente attiva, per manifestare l’Amore-Saggezza; tutto questo si basa sul proposito ed ha come fondamento la causalità. Questo aspetto di Brahma è quintuplice, e con l’aspetto Vishnu produce il sei, cioè il pentagono che ha, come centro di tutta la manifestazione, Mahadeva o la Volontà. Questo Quintuplice aspetto di Brahma, o i Cinque Kumara, sono in piena manifestazione, e con il riflesso degli altri Due Aspetti fanno i Sette del nostro sistema manifestato.

[1] Il Corpo Causale del Logos Solare e quelli delle tre Persone della Trinità logoica si trovano sul primo sottopiano.
IL MISTERO DEI KUMARA
 
I Kumara sono una delle figure più occulte, complesse, velate, di tutta la filosofia indù, la loro descrizione è tanto complicata da far pensare che si cerchi in tutti i modi di sviare l’attenzione del ricercatore, infatti, nei Purana, i Kumara vengono continuamente confusi, sia sul piano astronomico che su quello fisiologico e mistico, con numerosi personaggi ed eventi. Qualcuno vuole che derivi da Kama (amore), uno dei primi Dei indù, l’equivalente del Logos, essendo nati per suo merito da Brahma. Altri, più letteralmente, lo fanno derivare da ku, difficile, e mara, mortale, cioè “mortali con difficoltà”, con evidente allusione alla più alta monade umana (uomo lunare). I primi Kumara erano i sette figli di Brahma, nati dalle membra del dio durante la cosiddetta nona creazione. La creazione Kumara è la nona di Brahma, dalla quale essi emergono con gli Asura, i Rudra, i Pitri, come Forze e Fuochi correlativi. Essi nascono in tutte le epoche, cioè si reincarnano ad ogni Manvantara. Sembra quasi un’operazione di filogenesi della creazione. Come tutti i Rudra, cui i Kumara appartengono, essi sono i più alti Deva connessi all’intelletto. Sono quei Deva che, avendo acquisito con l’autosviluppo la natura quintupla, sono divenuti indipendenti dai puri Arupa Deva.
 
I Sutra di Param Shiva dicono che Brahma il Fuoco per Attrito, l’Intelletto Cosmico in Attività rappresentato nella sua totalità come Atma [spiritualità], Buddhi [Saggezza], e Manas [Mente], che nelle sue successive sette divisioni differenti si manifestano come Sette tipi di Mente o Manas, da cui nascono sette tipi di Manasadeva, noti anche come Kumara. Le prime due Menti sono puramente sintetizzanti e la terza mente sintetizza tutte l’esperienze di mente raggiunta durante la manifestazione cosciente della Volontà Elettrica in tutto il cosmo. Le cinque Menti successive sono la sperimentazione. cioè le Menti Attive, e in questo gruppo, la Terza Mente è legata a Atma [Spirito] o il piano spirituale, in senso cosmico, sistemico e planetario. La Terza Mente è il governatore del Terzo Raggio ed è la Mente Sintetizzante delle quattro Menti inferiori, che sono anche i governatori o i Signori del 4°, 5°, 6° e 7° Raggio. E questi Signori o Governatori sono presenti su tutti i livelli, cosmici, sistemici e planetari del Brahmanda [Universo].
 
Vi è una gerarchia di Kumara, al vertice ci sono Sette Kumara Cosmici che si manifestano attraverso i rispettivi Schemi Planetari.
 
All’interno dello Schema Planetario vi sono Sette Kumara che sono il riflesso dell’ordine sistemico. Alla testa del nostro mondo l’evoluzione è il primo Kumara, aiutato da altri sei Kumara, tre essoterici e tre esoterici, che sono i punti focali per la distribuzione della forza dei Kumara sistemici. In ogni catena si trovano tali rappresentanti, sei punti focali abbracciati dal settimo, il Logos Planetario dello Schema, che li tiene tutti nella sua aura ( FC 413). Sanat Kumara, il Signore del mondo, è il rappresentante sulla Terra della forza specializzata del Logos planetario; gli altri Sei Kumara trasmettono energia dagli altri Sei Schemi Planetari.
 
All’interno della nostra Catena della Terra, centoquattro Kumara provenienti dalla Catena di Venere vennero sulla Terra; letteralmente la cifra è centocinque, quando l’Unità sintetizzante, il Signore del Mondo Sanat Kumara stesso, è contata come una sola. Ciò significa che vi è una terza categoria o gruppo di Kumara inferiori ai Sette.
 
Vi sono Sette Kumara connessi alla nostra evoluzione planetaria, dei quali Quattro sono exoterici. I Quattro sono: Sanaka, Sananda(na), Sanata(na), Sanat Kumara. Appena menzionati nel Vishnu Purana, figurano in vari drammi ed eventi in tutto il resto dei Purana e della letteratura sacra; cosicché gli orientalisti, dovendo raccogliere qua e là i fili di collegamento, hanno finito con il proclamare che i Kumara “sono dovuti soprattutto alla fantasia degli autori puranici”. I Kumara sono Dhyani (Deva che s'incarnano nelle ombre), derivati immediatamente dal Principio Supremo, che ricompaiono nel periodo del Vaivasvata Manu, per il progresso dell’umanità. I primi Quattro sono i Figli di Brahma, nati dalla sua Mente, e sono exoterici. Gli altri tre sono segreti, esoterici.
 
Si ha un’interessante connessione tra:
·        Si hanno Sette Piani, o i sette gradi di materia.
·        Sette Uomini Celesti, i sette Manasaputra divini, o i sette tipi di Amore-Saggezza.
·        Sette qualità di Saggezza che sono prodotte dalle Entità cosmiche, i Kumara, con l’aiuto della conoscenza per mezzo della materia.
 
Si parla di Cinque Kumara perché Quattro di essi sono la manifestazione del Terzo Kumara. I Figli della Mente di Brahma sono conosciuti con vari termini, come: “I Manasaputra, i Prajapati, i Kumara, i Sette Primordiali, i Rudra, gli Uomini Celesti, i Rishi, gli Spiriti davanti al Trono”. Il Kurma Purana, dopo aver enumerati i Kumara, dice: “Questi cinque, o Brahmani, erano degli Yogi che si erano affrancati completamente dalla passione”. Sono cinque, perché due dei Kumara caddero. Nel testo originale dell’Hari Vamsha si legge: “Questi sette ... crearono della progenie; e così fece Rudra, ma Skanda (suo figlio) e Sanat Kumara, reprimendo il loro potere, si astennero (dalla creazione)”. L’Arcangelo Michele, il “combattente vergine” del Drago, la cui vittima è ogni anima unita troppo debolmente al suo Spirito immortale; l’Arcangelo che, come dimostrano gli Gnostici, si rifiutò di creare, precisamente come i Kumara. Questo rifiuto, tuttavia, era solo durante il processo di produrre l’aspetto fisico degli esseri umani. Il periodo di questi Kumara è pre-adamico, cioè prima della separazione dei sessi e prima che l’umanità abbia ricevuto il fuoco creativo o sacro di Prometeo. Il mito racconta che avendo Sanat Kumara e Sananda mancato d’incarnarsi a suo tempo, i corpi a loro predestinati si corruppero, dal che provenne il peccato originale delle forme senza mente e la punizione degli Ego.
 
Nel Trattato del Fuoco Cosmico il Maestro D.K. afferma che il Quinto Principio Manas, è incarnato nei Cinque Kumara, e che del graduale risplendere nel Loto Egoico di cinque colori alla volta in ogni petalo (del terzo giro), e nel mistero di dei colori sussidiari, è svelato il mistero dei Cinque Kumara. Lo studioso che cerca il significato della preponderanza dell’arancione e del rosa, si accosta al segreto dei due Kumara che caddero, e che velano la chiave esoterica di questo grande evento.
 
I Kumara, di cui Cinque hanno raggiunto la perfezione della Mente, di Manas, nel precedente sistema solare. Le Entità chiamate Kumara sono gli spiriti planetari dei pianeti [Grahas]. Secondo quanto riportato nei Sutra di Param Shiva e in Astrologia Esoterica e i Cinque Kumara Cosmici che raggiunsero la perfezione lavorano con Cinque costellazioni zodiacali, con la differenza che il Maestro D.K. non cita i nomi dei Cinque Kumara e abbina i Cinque Kumara alle quattro Gerarchie liberate e a quella che si sta per liberare, collegata al Settimo Raggio che secondo i Sutra di Param Shiva aveva fallito nel precedente sistema solare. Le prime Quattro Gerarchie conseguirono la liberazione durante il primo sistema solare. Il loro influsso operò sulla Terra tramite la Quinta. La Dottrina Segreta ci dice l’Occultismo divide i Creatori in dodici classi o Gerarchie; di queste, quattro hanno raggiunto la liberazione alla fine della Grande Età, la quinta è pronta per raggiungerla, ma rimane ancora attiva sui piani intellettivi, mentre Sette Gerarchie sono ancora sotto la diretta Legge Karmica. Queste ultime agiscono sui Globi portatori di uomini della nostra Catena.
 
1.      III Raggio            Pisces [Meen Rashi]                  Saturno
2.      IV Raggio            Aries [Mesha Rashi]                  Mercurio
3.      V  Raggio            Taurus [Vrishbha Rashi]             Venere
4.      VI Raggio            Gemini  [Mithun Rashi]               Marte (non è un pianeta sacro!)
5.      VII Raggio           Cancer [Karkata, Kekda Rashi]    Terra (non è un pianeta sacro!)
 
Lo strano abbinamento dei Cinque Kumara Cosmici e delle Cinque Gerarchie con i pianeti riportato nel libro da Vashisht Vaid e secondo i Sutra di Param Shiva include due pianeti non sacri. I Sutra in disaccordo con quanto riferito dal maestro D.K. abbinano il VII Raggio con la Terra. Ci dicono inoltre, di questi due pianeti non sacri, che non solo il VII Raggio fallì nel precedente sistema solare, ma anche che Marte esprimendo il VI Raggio della devozione, legato alle emozioni, e avendo un desiderio di dualità, fu a capo della ribellione contro il Logos Solare cui partecipò anche la Terra. Anche il gruppo di Venere V Raggio, partecipò a questa ribellione ma secondo quanto affermato nel Fuoco Cosmico ha già risolto i suoi problemi, ecco perché è considerato un pianeta sacro. È stato gettato un velo, su un passato oscuro? Nel capitolo successivo si cercherà di capire questo mistero.
 
I Kumara Cosmici o Rishi che sono i Signori dei Cinque Raggi, si riflettono nei Cinque Figli di Brahma nati dalla Mente che incarnano questa forza manasica sul nostro sistema planetario. Essi sono rappresentati sulla nostra Terra dai Cinque Kumara che obbedirono alla legge e presero forma, come H.P.B. accenna in vari passi della Dottrina Segreta. Essi soltanto riflettono (nella Gerarchia del nostro pianeta) la funzione dei Cinque Kumara che sono i Signori dei Cinque Raggi che si manifestano mediante i quattro pianeti minori e il pianeta sintetizzante Saturno.
 
Ogni Kumara porta il prefisso di Sanat e Sana. In sanscrito Sanat, è un appellativo di Brahma, il Terzo Aspetto della Divinità. Esiste un rapporto di antichissima data fra il nostro Signore del Mondo, Sanat Kumara, e il Signore di Sirio e ciò nonostante che il nostro pianeta Terra non sia un pianeta sacro. Inoltre Shanaishchara è Saturno, il pianeta Sacro Shani. Saturno è il pianeta che governa il Capricorno, Makara, il decimo segno zodiacale. Nell’attuale sistema solare, Saturno, è veicolo dell’energia indicata come III Raggio, connesso all’Intelligenza Attiva. Nelle sette Gerarchie soggette alla legge del karma, Saturno presiede a quella stupenda Gerarchia creativa (la Terza) che è uno dei tre massimi gruppi di Costruttori, parte del Terzo aspetto della Trinità.
 
I Cinque Kumara sono i canali per questa forza, e uno di Loro, il Signore del pianeta Venere, incarna in sé la funzione della Quinta Gerarchia (FC 703). La Quinta Gerarchia degli Agnishvatta nei vari gradi incarna il “principio Io”, e sono quelli che producono l’autocoscienza e costruiscono il corpo di realizzazione dell’uomo.
 
Vi sono Sette Kumara connessi alla nostra evoluzione planetaria, Sanat Kumara, il Signore del Mondo, è il rappresentante sulla Terra della forza specializzata del Logos Planetario; gli altri sei Kumara trasmettono energia dagli altri sei schemi planetari. Il Maestro D.K. avverte: “Gli studiosi devono distinguere attentamente i Cinque Figli di Brahma nati dalla Mente, i Cinque veri Kumara, dai loro rappresentanti (Kumara minori) sul nostro pianeta” (FC 378), quali i Tre Buddha dell’Attività, questi tre, sono i vicari, sul nostro pianeta, dei tre Logoi planetari. Il Maestro D.K. precisa che il Signore del Mondo, Sanat il primo Kumara, è il Logos Planetario del nostro Schema in incarnazione fisica (nel corpo eterico), ma in nessun luogo ho dato l’impressione che i tre Kumara a Lui associati siano altri tre Logoi planetari (cioè di altri Schemi Planetari).
 
È stato affermato che centoquattro Kumara vennero da Venere sulla Terra; il numero preciso è centocinque, se si conta l’Unità sintetizzante, lo stesso Signore del Mondo. Con Lui rimangono ancora i tre Buddha di Attività. Richiamo l’attenzione sul duplice significato del nome “Buddha di Attività” che comporta il fatto reale che queste Entità, a quel livello d’evoluzione, sono Amore-Saggezza Attivo, ed incarnano questi due aspetti. I tre Buddha di Attività corrispondono alle tre persone della Trinità. Queste Entità si dividono in tre gruppi di trentacinque, ed incarnano i tre centri maggiori del Logos planetario. Sono i tre gruppi che conosciamo come i “tre dipartimenti” (FC 387).
 
Notiamo innanzi tutto che qui si parla di un gruppo di Kumara. D.K. chiarisce che i centoquattro Kumara provenivano dalla Catena di Venere dello Schema della Terra; letteralmente la cifra è centocinque, quando l’Unità sintetizzante, il Signore del Mondo stesso, è contata come una sola. Rimangono ancora con Lui i tre Buddha di Attività. Sembrerebbe che questi tre Buddha di Attività siano gli unici dei Kumara originali rimasti con Sanat Kumara. Eppure, vi sono Tre " Kumara Esoterici ", in relazione ai quali i Buddha di Attività sono considerati exoterici. Non erano tra il gruppo originale e non sono rimasti? Quando il Maestro D.K. parla dei “due aspetti” Amore-Saggezza Attivo che incarnano i Buddha di Attività, sembra parlare del secondo e del terzo aspetto e non solo della dualità conosciuta come “saggezza dell’amore”.
 
Queste Entità si dividono in tre gruppi di trentacinque 3x35=105. Apparentemente stiamo parlando dei centocinque Kumara, di cui Sanat Kumara è uno. Possiamo pensare che vi sono trentacinque Kumara da associare a Shamballa, trentacinque con la Gerarchia e lo stesso numero con l’umanità? Ci è stato detto che solo Sanat Kumara e i tre Buddha di Attività rimangono con il nostro pianeta (o dovremmo dire, il nostro Globo D). Quanti dei Kumara originari che sono venuti con Sanat Kumara sono rimasti sul nostro Globo in questo momento?
 
In realtà, e in totale se includiamo i tre Kumara Esoterici, ce ne sono 105+3=108 centotto. Il numero di Proci (anagramma di porci) che Odisseo alla fine del viaggio ucciderà a Itaca è appunto 108! In India si sacrificavano 108 capre alla dea Kali, il lato oscuro della Dea dell’amore. In Grecia si sacrificavano capre in riva al mare, ad Anfitrite, la sposa di Poseidone. Le maggiori scuole di buddismo riconoscono l’esistenza di 108 Bonno, così chiamate perché causano al corpo e alla mente afflizione e sofferenza. II numero 108, è legato sia al computo del tempo e sia alla via della sofferenza.  L'astrologia cinese conta 36 stelle benefiche e 72 stelle del male, la loro somma costituisce il sacro numero 108.
 
Se aggiungiamo dodici a novantasei ricaviamo il numero centotto 96+12=108, che coincide col numero totale di tutti i Kumara che arrivarono alla Catena Terrestre dalla Catena di Venere. Novantasei (96) è il numero dei petali del Chakra frontale Ajna, e dodici (12) è il numero dei petali sia del chakra del cuore e sia del loto che come un cuore, è al centro dei 960 petali del chakra della sommità della testa. Se consideriamo la “venuta iniziazione dell’Uomo Celeste” come la crocifissione attraverso la Quarta Catena e il Quarto Globo, allora il centro è quello del cuore con 12 petali. Ma non sembra improbabile che i tre i Buddha di Attività o di Amore-Saggezza Attivo (se questo è ciò che s’intende per i Tre Kumara su cui ci viene detto) siano associati con il cuore. Sarebbero associati anche al centro Ajna diviso in due ali o grandi petali 48x2=96, che nell'uomo dà l’accesso alla triade spirituale, ed è triplice, un centro e due “ali”. I Tre Buddha di Attività sono chiaramente associati alla triade spirituale nell’uomo così come Sanat Kumara è una corrispondenza più alta della Monade.
 
Questi Kumara (o i Loro sostituti attuali) si possono anche dividere nei sette gruppi 7x15=105, corrispondenti ai Sette Raggi, e sono Essi Stessi la vita del centro che rappresentano. Perciò quindici di queste Entità (ancora il dieci e il cinque, 10+5=15) formano un centro del corpo del Logos Planetario, e i Tre Kumara dei quali si parla (Che sono in Sé quintuplici, formando così il quindici) sono le Vite entificanti del centro particolare che è interessato nella prossima iniziazione dell’Uomo Celeste, ed al quale appartengono le unità umane dell’attuale ciclo maggiore (FC 388).
 
Il Maestro D.K. ci dice che se dividiamo i 105 Kumara nel numero dei Raggi otteniamo sette gruppi di quindici ciascuno: 105/7=15. Ci sono Sette centri principali in un Logos Planetario e, da una prospettiva, ci sono 15 Kumara assegnati a ciascuno. Se dividiamo i Kumara per Tre il numero dei Buddha di Attività, otteniamo 105/3=35. Il Numero trentacinque è a sua volta divisibile per Sette, 35/7=5. Ogni quindici è scomponibile in dieci e cinque. I “Tre Kumara su cui ci viene detto” sembrano essere i Tre Buddha di Attività. Ciascuno di questi è quintuplice comprende un centro particolare. Questo centro è coinvolto nella prossima Iniziazione dell’Uomo Celeste. Se consideriamo i Tre Kumara qui menzionati come cinque volte, ognuno di essi è una stella a cinque punte«” e ognuno perciò, di per sé, è una specie di “Stella dell'iniziazione”. Ciascuno è direttamente coinvolto nel processo d’iniziazione dell’essere umano e partecipa a cerimonie d’iniziazione avanzate in cui è coinvolto il microcosmo. I Tre Kumara ci viene detto che sono quintuplici 3x5=15, ma questo vale anche per i Tre Kumara Esoterici? Se è così, avremmo la cifra trenta 15+15=30. Se in qualche modo anche Sanat Kumara è quintuplice, ne appaiono ancora trentacinque 30+5=35.
 
Occorre notare un altro fatto relativo a questi grandi Esseri, quando Essi sono considerati come sette gruppi formano:
a.      dei punti focali di forza, o influenza, emanante dagli altri centri o schemi solari;
b.      le sette divisioni della Gerarchia occulta (FC 388).
 
I sette gruppi di Kumara (o i loro attuali sostituti) sono collegati con Sette Schemi principali, presumibilmente i Sette Schemi Solari attraverso i quali il Logos Planetario si esprime. Quando sono raggruppati in tre gruppi di trentacinque, può darsi che questi tre gruppi siano alleati con i Logoi dei tre pianeti sintetizzanti. Le sette divisioni della Gerarchia occulta sono i sette Ashram. Sembrerebbe, quindi, che i sette gruppi di Kumara (o i loro attuali sostituti) sarebbero collegati con un Ashram specifico più grande, forse con la loggia di Sirio?
 
Essi esistono, come lo stesso Uomo Celeste, nella materia eterica, e sono letteralmente delle grandi Ruote o centri di Fuoco vivente: Fuoco Manasico e Fuoco Elettrico; vitalizzano il corpo dell’Uomo Celeste, e mantengono la coesione del tutto come un tutto oggettivo. Essi formano un triangolo planetario nella catena, ed ognuno di Essi vitalizza un globo (FC 388).
 
L’Uomo Celeste e i Kumara esprimono come “Fuoco vivente”. I due tipi di Fuochi menzionati sono il Fuoco Manasico ed Elettrico. Con il Fuoco Manasico (nel Trattato sul Fuoco Cosmico) probabilmente s’intende il Fuoco Solare e non semplicemente il Fuoco per Attrito associato al Manas inferiore. I sette gruppi di quindici Kumara ciascuno hanno una funzione vitalizzante e di coesione formano un triangolo all’interno di una Catena particolare; se è così, forse stiamo parlando di due gruppi di quindici (i Sei Kumara) e un gruppo (il gruppo brahminico) di settantacinque in modo da formare 30+30+70=105. I centocinque Kumara sono qui discussi in un contesto di Catena piuttosto che in un contesto di Globo. Quindici sono menzionati in relazione a ciascun Globo 15x7=105. Se i Buddha di Attività si riferiscono al nostro Globo, il Quarto, e se sono ciascuno quintuplici, allora abbiamo quindici Kumara che si riferiscono specificamente al nostro quarto Globo D. Se centocinque Kumara sono venuti nel nostro Globo (Sanat Kumara e centoquattro), ci sono numeri simili di Kumara che si trovano riguardo agli altri Globi o numeri molto più piccoli? Molte di queste osservazioni si trovano nel sito http://makara.us/02tcf/commentary/s4/s4s5.htm molto consigliato a tutti quelli che vogliono studiare in modo approfondito il Trattato sul Fuoco Cosmico.
 
A questo stadio non è permesso dire in pubblicazioni exoteriche:
·        Quale Raggio, o emanazione logoica, è incarnato nel nostro Logos planetario;
·        Quale centro del sistema solare è chiamato Schema della Terra;
·        Quale Schema è il nostro opposto polare, o quale Uomo Celeste è il più strettamente legato al nostro;
·        Qual è il centro nel corpo del Logos planetario, che Egli in questo periodo cerca di vivificare.
 
Come si può ben dedurre, sarebbe troppo pericoloso diffondere questi dati, e gli studiosi la cui intuizione permette loro di scoprirli vedranno da sé la necessità del silenzio (FC 388).
 
D.K. parla solo di un Raggio, ma quale? Questo trattato fu scritto nel 1925. Verso la metà degli anni trenta, quando furono scritte le ultime parti di Astrologia Esoterica, la prima informazione fu finalmente data: Il nostro Logos Planetario ha Monade sul Primo Raggio; l’Anima sul Secondo Raggio; una personalità sul Terzo Raggio (AE 619). Quale centro del sistema solare è chiamato Schema della Terra? In Astrologia Esoterica lo Schema della Terra era stato chiaramente associato alla base del centro della colonna vertebrale del Logos Solare. Quale Schema è il nostro opposto polare, o quale Uomo Celeste è il più strettamente unito al nostro?  Sembra strano che DK lo direbbe, in quanto tanta attenzione è stata data allo schema di Venere come l'opposto opposto del nostro Schema.
 
Prima si è analizzata la Tavola VI del Trattato sul Fuoco Cosmico (FC 374) del Divino Settenario, ricordiamo che la Tavola è valida solo per un intervallo, che va Dalla metà della Terza Razza-Radice o Lemuriana e solo fino al Giorno del Giudizio sul Quinto globo a metà della Quinta Ronda.  È interessante notare che quando prende un’iniziazione, Egli lo fa durante un’incarnazione in cui prende un veicolo di materia eterica, com’è il caso attuale. Il Logos del nostro Schema si prepara per l’iniziazione, la Quarta in questa Catena, alla metà della Quinta Ronda. Il Maestro D.K. ci dice che la prossima iniziazione maggiore o “iniziazione cosmica” per la quale il nostro Logos Planetario si sta preparando è la seconda (FC 384). Egli abbandonerà la Sua forma attuale.
 
Un Logos Planetario può passare attraverso molte incarnazioni senza prendere nessuna iniziazione, le polarizzazioni della Tavola VI si riferiscono a questa incarnazione in cui avverrà un’espansione di coscienza planetaria. Si era visto che sei Schemi formavano una stella a Sei punte con due triangoli intrecciati, la polarizzazione di questi Schemi è relativa solo a questo particolare periodo. I tre Schemi S1-S3-S5, Vulcano, Marte e Mercurio, disposti a triangolo col vertice in alto, sono stati supposti a polarità positiva (É) rispetto ai tre Schemi S2-S4-S6 Venere, Terra e Giove a polarità negativa ().
 
Ai vertici dei due triangoli intrecciati si hanno i seguenti opposti polari: S1-S4 Vulcano (É), Terra ().Ciascun triangolo ha differenti gradi di polarità. Triangolo S2-S4-S6: sappiamo che la Terra (É) è positiva rispetto a Venere () e di conseguenza Giove (É/) è a polarità intermedia o neutra tra i due.

Torna ai contenuti | Torna al menu