Lez. 10 - L’azione delL Triplice Logos - Moto rotatorio, a spirale, in avanti - Sapienza misterica

Sapienza Misterica
Vai ai contenuti

Menu principale:

Lez. 10 - L’azione delL Triplice Logos - Moto rotatorio, a spirale, in avanti

La Dottrina del Filo d'Oro I Cosmogenesi
L’AZIONE DEL TRIPLICE LOGOS - MOTO ROTARORIO, A SPIRALE, IN AVANTI

Il SÉ UNIVERSALE quando anima l’Universo lo anima come Trinità. L’Universo manifesto è contenuto in questa Realtà Assoluta, e ne è un simbolo condizionato. Nella totalità di quest’Universo manifesto si devono concepire tre aspetti logoici:
·    Il Primo Logos Cosmico, impersonale e non manifesto, precursore Di quello manifestato.
·    Il Secondo Logos Cosmico, Spirito-Materia, lo Spirito dell’Universo.
·    Il Terzo Logos Cosmico, Ideazione Cosmica, l’Anima del Mondo, l’Anima Universale.
 
Ciascuno dei tre Logoi, quando sia in manifestazione e quindi personificato, esprime una qualità che predomina sulle altre. Ognuno, più o meno, le comprende tutte, ma ognuno esprime uno dei tre aspetti tanto profondamente da essere riconosciuto come l’aspetto stesso. Nelle parti iniziali del Trattato del Fuoco Cosmico, il Maestro D.K. spiega il moto dovuto al fuoco latente nella materia sul piano fisico, moto che è la caratteristica principale e la qualità fondamentale del Raggio Primordiale dell’Intelligenza Attiva. In altre parole è la facoltà principale del Terzo Logos, di Brahma considerato come Creatore.

Il Terzo Logos è caratterizzato dall’Intelligenza Attiva; il suo modo di azione è quello chiamato rotatorio, ossia la misurata rivoluzione della materia del sistema, prima come grande totalità che mette in movimento il materiale circoscritto entro l’intero anello invalicabile, e che in secondo luogo lo differenzia in sette piani secondo sette note o frequenze vibratorie. Su ognuno di questi piani il processo prosegue, e la materia di ogni piano, entro l’anello invalicabile del piano, si manifesta dapprima come una totalità e poi in settemplice differenziazione. Questa differenziazione della materia è prodotta dal moto rotatorio.
a.   La sua meta è la perfetta fusione dello Spirito con la Materia.
b.   La sua funzione è la manipolazione della materia, in modo da renderla adatta alla richiesta ed alle necessità dello Spirito.
c.   Il suo modo di azione è rotatorio, ossia l’accrescere l’attività mediante la rivoluzione della materia, rendendola con ciò più malleabile.
 
Il Secondo Logos, il divino Raggio della Saggezza, è caratterizzato dall’Amore. Il suo moto può essere chiamato ciclico a spirale. Utilizzando il moto rotatorio di tutti gli atomi, Egli vi aggiunge il proprio moto periodico a spirale, e muovendosi lungo un’orbita o traiettoria sferoidale che gira intorno ad un punto focale centrale in spirale sempre ascendente ottiene due risultati:
d.   Riunisce gli atomi in forme.
e.   Per mezzo di queste forme ottiene il necessario contatto e sviluppa la piena coscienza sui cinque piani dell’evoluzione.
L’attività del secondo Logos è retta dalla Legge cosmica di Attrazione, la legge degli effetti reciproci, o dell’azione e reazione:
f.    Tra i Sette Piani del sistema solare, che percorrono la loro orbita circolare roteando su se stessi;
g.    Tra il Sole e i suoi Sei fratelli;
h.    Tra tutte le cose nella materia di tutte le forme, tra le sfere della materia stessa e gli aggregati di sfere che costituiscono altre forme ancora.
 
Il Primo Logos è il Raggio della Volontà Cosmica. Il Suo modo di azione consiste, alla lettera, nello spingere avanti nello spazio l’anello invalicabile solare, e fino alla fine di questo Maha Manvantara o Giorno di Brahma non saremo in grado di concepire il primo aspetto della volontà o potere quale realmente è. Il primo Logos incarna la “volontà di vivere” delle Sette Gerarchie.
1.    La sua meta è la Sintesi degli Esseri che ottengono la coscienza mediante la manifestazione e che, per mezzo dell’esperienza nella materia, accrescono le qualità.
2.    La sua funzione è di mantenerli in manifestazione, mediante la Volontà, per il tempo desiderato, per poi astrarli e fonderli di nuovo con la loro fonte spirituale.
L’aspetto Mahadeva o primo Logos (che incarna la Volontà Cosmica) è dunque governato dalla Legge di Sintesi, la legge cosmica che governa la tendenza all’unificazione; ma in questo caso non si tratta dell’unificazione della Materia con lo Spirito, bensì dell’unificazione dei Sette nei Tre, e dei Tre nell’Uno[1].
 
Scienza antica e parte della scienza moderna[2] si trovano in sintonia. Il modello eliocentrico è un’inutile giostra in cui siamo sempre a capo, nello stesso punto, dopo ogni giro o anno. Il modello a elica da più la sensazione di progresso, crescita, di un viaggio nello spazio in cui non torniamo mai al punto di partenza. Il chimico fisico italiano Giorgio Piccardi (1913-1972). Sappiamo che il sole si muove, insieme a tutti gli organismi che sono legati ad essa, verso la costellazione di Ercole. Il suo moto è uniforme e rettilineo, la sua velocità (costante per noi): 19-20 Km/sec. Sappiamo anche che la Terra gira intorno al Sole a una velocità approssimativa media di 30 km/sec. Dalla combinazione di questi due moti, uno rettilineo uniforme, gli altri circolari e uniforme in linea generale, il risultato è una traiettoria elicoidale. Questo è il movimento elicoidale della Terra nella galassia, di cui le stelle vicine[3]. Nassim Haramein,ricercatore indipendente e Direttore della Fondazione “The Resonance Project”, famoso per le sue ipotesi su spirali ed eliche (specie nei sistemi climatici dei pianeti) afferma: “I pianeti non tornano mai sulle loro tracce, semplicemente non lo fanno, altrimenti avremmo probabilmente ogni anno la ripetizione dello stesso set d’informazioni”.
E’ tutto un vortice, dalla vita sul nostro pianeta ai movimenti dei corpi celesti nello spazio profondo. Con questa chiave, l’artista DjSadhu ha realizzato un modello che riproduce il movimento dei pianeti attorno al Sole[4]. Il nostro sistema solare è una spirale. Il vecchio modello eliocentrico del nostro sistema solare … i pianeti che girano intorno al sole non è solo sorpassato, ma anche sbagliato. Il nostro sistema solare viaggia nello spazio a 70,000 Km all’ora … invece il sole è come una cometa, che trascina i pianeti nella sua scia. Non è forse una spirale? perché questo è importante? Perché il “moto rotatorio “ e il “moto a spirale” sono due cose completamente differenti!
 
Figura 1. Modello Sistema Solare Vortex DjSadhu



 I TRE FUOCHI
 
La nostra Terra e l’uomo (sono) il prodotto dei Tre Fuochi[5].
 
I nomi di questi tre Fuochi in sanscrito sono Pavâka, Pavamâna e Shuchi, corrispondono al “Fuoco Elettrico”, al “Fuoco Solare” e al “Fuoco prodotto da Frizione”. Nella sua natura essenziale il Fuoco è triplice. Questi tre Fuochi, spiegati sui piani umano e cosmico, sono Spirito, Anima e Corpo, i tre grandi Gruppi radicali, con le quattro suddivisioni addizionali; queste variano secondo le varie Scuole. Shiva, Vishnu e Brahma sono i corrispondenti nomi di Padre, Figlio e Spirito Santo, dati dall’Induismo alla divinità manifestata.
1.   Colui che copre, avviluppa, circonda, intraprende tutto, è Brahma. L’attività.
2.   Quello in cui tutto penetra vishanti, è Vishnu; Vrinite significa l’avviluppare, il rivestire di un involucro, segnare i limiti o la periferia, e così modellare o creare (tutte le forme); a quest’azione sovrintende Brahma. Vishanti sarvani indica che tutte le cose penetrano in Esso ed Esso penetra in tutto; tale è il Sé connesso alla Conoscenza e a Vishnu. L’insieme o totalità di tutto ciò è Maha-Vishnu[6]. La Sapienza.
3.   Colui che dorme e sta celato, in ogni cosa è Shiva. Shiva dorme, si cela in tutto e in ogni cosa come nesso, vincolo, ed è la natura del desiderio. La Volontà che inizia e finisce il ciclo della creazione.
 
La Dottrina Segreta recita che: “L’oceano (lo Spazio) era luce radiante, che era Fuoco, Calore, Moto”. Questi tre sono la vita soggettiva che si manifesta oggettivamente. Il Fuoco: essenza del Primo Logos, Fuoco elettrico, Spirito. Il Calore: essenza del Secondo Logos dualità, Fuoco solare, Figlio, coscienza. Moto: essenza del Terzo Logos, Fuoco per attrito, Materia. Nel Trattato del Fuoco Cosmico il Maestro D.K. spiega dettagliatamente la natura dei Tre Fuochi. Nella sua natura essenziale il Fuoco è triplice, e si può definire come segue.
         
      
 
Il Fuoco per Attrito è il grande fuoco interno che anima e vitalizza il tutto, muovendo dal centro alla periferia. Governa la Legge di Economia ed è la causa del moto rotatorio, e quindi della forma sferoidale di tutto ciò che esiste.
Il Fuoco Solare conduce all’espansione e al ritorno finale al centro del suo sistema, governa la Legge di Attrazione e Repulsione. Utilizzando il moto rotatorio di tutti gli atomi, il Fuoco Solare aggiunge il proprio moto periodico a spirale, e muovendosi lungo un’orbita o traiettoria sferoidale (che gira intorno ad un punto focale centrale in spirale sempre ascendente), è la base del movimento ciclico a spirale. Riunisce gli atomi in forme.
Il Fuoco Elettrico governa la Legge di Sintesi ed è la base del movimento sistemico, che può esser meglio definito come una progressione nello spazio.
 
1.   Il Fuoco interno o Fuoco d’Attrito. Aspetto dell’Ideazione Cosmica, III Logos. Il Creatore.
“In ogni atomo c’è calore interno ed esterno, il respiro del Padre (Spirito) e il respiro (o calore) della Madre (materia)”. (Dottrina Segreta I, 112). È il Fuoco vitalizzante interno. Questi fuochi animano e vitalizzano il sistema solare oggettivo. Sono la somma totale del Kundalini Logoico quando è in piena attività sistemica.
 
2.   Il Fuoco della Mente o Fuoco Solare. Aspetto dell’Amore Cosmica, II Logos. Il Conservatore.
“Il Fuoco della Conoscenza consuma ogni azione sul piano dell’illusione; perciò coloro che l’hanno ottenuto e sono liberati sono chiamati “Fuochi”. (Dottrina Segreta I, 114). Questo Fuoco può essere considerato come la somma totale delle scintille della mente, i Fuochi dei corpi mentali e il principio che anima le unità in evoluzione della razza umana nei tre mondi.
 
3.   Il Fuoco dello Spirito o Fuoco Elettrico. Aspetto della Volontà Cosmica, I Logos. Il Distruttore.
Alza la testa, o Lanu; vedi tu una o innumerevoli luci al di sopra di te ardere nel cielo oscuro della notte?”. “Io percepisco una Fiamma sola, o Gurudeva, e vedo innumerevoli scintille non separate che in essa risplendono”. (Dottrina Segreta, I, 145). Questa Fiamma è la nota distintiva del nostro Logos, ed è ciò che lo differenzia da tutti gli altri Logoi, è la Sua caratteristica dominante e il segno del Suo posto nell’evoluzione cosmica.
 
Il Fuoco per Attrito la causa rotazione degli atomi, per mezzo di quest’azione tutte le sfere diventano differenziate e formano le seguenti unità atomiche:
a.    Il Sistema Solare, considerato come atomo cosmico, tutti i cosiddetti atomi entro la sua periferia essendo considerati molecolari.
b.    I Sette Piani, considerati come sette grandi sfere che ruotano nel senso della latitudine entro la periferia solare.
c.    I Sette Raggi, considerati come le sette forme che velano i sette aspetti della divinità, fasce sferoidali di colore che ruotano longitudinalmente, formando (insieme ai sette piani) una vasta rete intrecciata. Ogni raggio di luce, non importa di quale colore, è pure una sfera di materia estremamente tenue, che ruota in direzione opposta a quella dei piani.
d.    Queste due serie di sfere (piani e raggi) formano la totalità del sistema solare, e producono la sua forma sferoidale.
 
Figura 2. La rotazione dei Piani e dei Raggi
 
La repulsione è prodotta dall’azione rotatoria, ed è il fondamento della separazione che impedisce il contatto tra un atomo e tutti gli altri, che mantiene i pianeti in luoghi fissi dello spazio, stabilmente separati tra loro, che li mantiene a una certa distanza dal loro centro sistemico, e che del pari impedisce ai piani e sottopiani di perdere la loro identità materiale. Si può vedere qui il principio dell’eterno conflitto tra Spirito e Materia, che è caratteristico della manifestazione; uno degli aspetti lavora sotto la Legge di Attrazione, e l’altro è governato dalla Legge di Repulsione.
 
L’elettricità del piano fisico è un’espressione dei fuochi interni attivi del sistema e del pianeta, così come la combustione interna è un’espressione dei fuochi interni latenti. Questi ultimi si trovano all’interno di ogni globo, e sono la base di tutta la vita fisica oggettiva. Il mistero dell’elettricità riguarda la “veste” di Dio (la Materia), così come il mistero della polarità riguarda la Sua “forma”. L’elettricità della sostanza, l’elettricità della forma e l’elettricità della Vita stessa devono unirsi e fondersi prima che il vero Uomo (sia Logos o essere umano) sappia essere il creatore. Il giorno in cui sapremo esattamente ciò che “l’Elettricità” è, sarà la cronaca di un evento probabilmente più grande, più importante di qualsiasi altra registrato nella storia della razza umana. Verrà il tempo in cui il comfort, l’esistenza stessa, forse, dell’uomo dipenderà questo meraviglioso agente. Nikola Tesla (1893).
 
Il Fuoco latente nella Materia, “Fuoco per Attrito” della Materia, produce calore ed irradiazione, e provoca la reazione dell’opposto “Fuoco Elettrico” dello Spirito. Qui abbiamo l’immagine delle Stanze di Dzyan del Raggio che colpisce e attraversa la Materia, poiché l’azione del Fuoco Elettrico è sempre verso l’avanti. Il Raggio Unico, “Fuoco Elettrico”, cade nella Materia. Questo è il matrimonio sistemico del Padre e della Madre. Ha per risultato la fusione di questi due fuochi e la produzione dell’espressione di fuoco che chiamiamo “Fuoco Solare”. È prodotto così il Figlio. L’Intelligenza Attiva e la Volontà sono unite, e l’Amore-Saggezza, dopo essere stato perfezionato con l’evoluzione, ne sarà il frutto.
 
La distinzione dei sottopiani dei piani sistemici in tre superiori, tre inferiori e un piano centrale di equilibrio o armonia, è così soltanto dal punto di vista dei fenomeni elettrici, ma non dal punto di vista del puro Spirito né della pura sostanza, considerati separatamente. Essa riguarda il mistero dell’elettricità, e la produzione della luce. I tre piani superiori riguardano le Forze o Vite centrali; i tre inferiori riguardano le Forze o Vite minori. Dobbiamo tenerlo sempre presente, ricordando che per l’occultista la sostanza non esiste, ma vi è solo Forza a vari gradi, solo Energia in qualità differenziate, solo delle Vite che emanano da fonti differenti, ognuna distinta e separata, e solo Coscienza che produce un effetto intelligente per mezzo dello spazio[7]. Su ogni piano si ha, in senso relativo:
 
a.   Il Fuoco Elettrico che si manifesta come prima condizione sui tre sottopiani superiori.
b.   Il Fuoco Per Attrito che si manifesta come fattore più importante sui tre sottopiani inferiori.
c.   Il Fuoco Solare che si manifesta come fiamma prodotta dall’unione sul sottopiano centrale.
         

       
L’unione avviene tra il triangolo dei tre sottopiani superiori con il triangolo dei tre sottopiani inferiori e al centro l’equilibrio del quarto sottopiano che armonizza il conflitto tra i contrari.
 
QUARANTANOVE FUOCHI
 
L’uomo ha bisogno di quattro Fiamme[8] e tre Fuochi per divenire uno sulla Terra, e chiede l’essenza dei quarantanove Fuochi per essere perfetto[9].
 
I Tre Fuochi, Pâvaka, Pavamâna e Shuchi, avevano quarantanove figli, che costituivano i 49 Fuochi. In India era il mistero dei Sette Fuochi e dei loro Quarantanove Fuochi o aspetti, o il numero di essi. In Samotracia e nei più antichi templi egiziani i Kabiri[10] erano i grandi Dèi Cosmici, i Sette e i Quarantanove Fuochi Sacri.
 
Nel testo gnostico Pistis-Sophia, “Il (Serpente dei) Sette Tuoni pronunciò queste Sette Vocali”, ma “sigillate quelle cose che i Sette Tuoni pronunziarono e non scrivetele” dice l’Apocalisse di Giovanni. “Cercate voi questi misteri?” — domanda Gesù nella Pistis-Sophia. “Nessun mistero è più eccellente di queste (sette vocali); perché esse condurranno le vostre anime alla Luce delle Luci”, cioè alla vera Saggezza. “Niente quindi è più eccellente dei misteri che voi cercate, eccettuato il mistero delle Sette Vocali, dei loro quarantanove Poteri e dei loro numeri”. L’Antico Commentario, trattando dei “Fuochi” afferma: “I Sette Padri e i Quarantanove Figli splendono nelle Tenebre, ma essi sono la Vita e la Luce e la loro continuazione per tutta la Grande Era”.
 
La Vita Una si manifesta in sette stati, i quali, con la loro suddivisione settenaria, formano i Quarantanove Fuochi menzionati nei libri sacri. La Triplice Guna produce i sette Elementi Primari, ciascun divisibile in quarantanove — sette volte sette — sub-elementi. Il problema della manifestazione elettrica di Fohat sui sette piani deve perciò essere studiato nelle sue tre suddivisioni principali e poi, piano per piano, sotto sette punti di vista, e infine dal punto di vista dei Quarantanove Fuochi.
Se le allegorie degli scritti tradizionali non avessero alcun significato, allora tutte queste lunghe leggende riguardanti il carattere sacro dei Tre tipi di Fuoco e dei Quarantanove Fuochi originali non sarebbero che delle idiote verbosità e nient’altro. Ma non è così. Ogni Fuoco ha una funzione e un significato distinto, nel mondo fisico e in quello spirituale.
 
Ognuna delle tre Persone della Trinità si manifesta, analogamente a quanto avviene per l’uomo, come Spirito, Anima o Ego, e Sostanza. Per quanto riguarda Brahma si ha l’aspetto Spirito che anima i tre piani superiori di ogni piano, o primo aspetto del fuoco. Il suo aspetto anima si trova sul quarto sottopiano di ogni piano, dove sono posti i centri eterici di tutte le entità manifestate. È soprattutto sui tre sottopiani inferiori che è possibile entrare in contatto col Suo aspetto sostanza. Abbiamo così i quarantanove fuochi della materia, o i sette fuochi di ogni piano, l’unione dei tre superiori con i tre inferiori che produce quella fiamma che noi chiamiamo ruote di fuoco o centri sul quarto sottopiano di ogni piano[11].
   
GLI EFFETTI DEL MOTO ROTATORIO
 
Nel Trattato del Fuoco Cosmico sono ampiamente spiegati gli effetti del moto rotatorio[12] dovuti all’azione del Terzo Logos. Ogni sfera del corpo macrocosmico ruota. Questa rotazione produce certi effetti che possono essere elencati come segue:
 
1.    La Separazione, prodotta dal movimento rotatorio. Per mezzo di quest’azione tutte le sfere diventano differenziate e formano, come sappiamo, le seguenti unità atomiche:
a.  Il sistema solare, considerato come atomo cosmico, tutti i cosiddetti atomi entro la sua periferia essendo considerati molecolari.
b.  I Sette Piani, considerati come sette grandi sfere che ruotano nel senso della latitudine[13] entro la periferia solare.
c.  I Sette Raggi, considerati come le sette forme che velano gli Spiriti, fasce sferoidali di colore che ruotano longitudinalmente, formando (insieme ai sette piani) una vasta rete intrecciata.
Queste due serie di sfere (piani e raggi) formano la totalità del sistema solare, e producono la sua forma sferoidale.
 
Figura 3. La rotazione dei Sette Raggi

Le strisce di colore formano un anello roteante che, muovendosi a diverse velocità di vibrazione, passa attraverso tutti i piani scendendo e risalendo di nuovo. Gli anelli colorati non seguono una traiettoria rettilinea e libera, ma s’intrecciano in modo assai curioso, mescolandosi l’un l’altro, assorbendosi a vicenda. La rotazione dei Sette Raggi di Colore produce un mescolamento tra essi senza alcuna distinzione netta, l’effetto è di un immenso occhio[14]. Dal punto di vista della totalità dei raggi e dei piani, non ci sono nord, sud, est, ovest. Ogni Raggio di Luce, non importa di quale colore, è pure una sfera di materia estremamente tenue, che ruota[15] in direzione perpendicolare a quella dei piani. Questi raggi producono uno sull’altro, con la loro azione reciproca, un effetto radiante. In tal modo, con l’avvicinamento del calore latente nella materia, e con l’interazione di questo calore sulle altre sfere, si produce la totalità che chiamiamo “Fuoco per Attrito”.
Le sette sfere di ciascun piano, che chiamiamo sottopiani, corrispondono anch’esse al sistema; ognuna ha le sue sette ruote o piani, che roteano per la loro capacità innata dovuta al calore latente, il calore della materia di cui sono formate.
 
2.  L’impulso, che ha come conseguenza la Repulsione, è prodotto dal movimento rotatorio. La repulsione è prodotta dall’azione rotatoria, ed è il fondamento della separazione che impedisce il contatto tra un atomo e tutti gli altri, che mantiene i pianeti in luoghi fissi dello spazio, stabilmente separati tra loro, che li mantiene a una certa distanza dal loro centro sistemico, e che del pari impedisce ai piani e sottopiani di perdere la loro identità materiale[16]. Si può vedere qui il principio dell’eterno conflitto tra spirito e materia, che è caratteristico della manifestazione; uno degli aspetti lavora sotto la Legge di Attrazione, e l’altro è governato dalla Legge di Repulsione. Di eone in eone il conflitto continua, e la materia diventa meno potente. Gradatamente (così lentamente che l’effetto sembra nullo, visto dal piano fisico) il potere attrattivo dello Spirito indebolisce la resistenza della materia, fino a che, al termine dei cicli solari maggiori, la distruzione (così chiamata) ne seguirà e la Legge di Repulsione sarà vinta dalla Legge di Attrazione. È la distruzione della forma, non della materia, poiché la materia è indistruttibile.
 
3.  L’Attrito produce su tutti gli altri corpi atomici:
a.  La vitalità dell’atomo;
b.  La coesione dell’atomo;
c.  La capacità di funzionare;
d.  Il calore fornito alla forma composta di cui è un frammento, sia che si tratti del calore fornito dalla rotazione del pianeta entro la forma macrocosmica, che della rotazione di una cellula del corpo fisico entro la forma microcosmica;
e.  La combustione e disintegrazione finale, quando i fuochi latente e radiante hanno raggiunto uno stadio specifico. Questo è il segreto dell’oscurazione finale e del pralaya, ma non può essere dissociato dagli altri due fattori, il Fuoco Solare e il Fuoco Elettrico.
 
4.  L’assorbimento, attraverso la depressione visibile in un punto della superficie in tutte le sfere roteanti della materia atomica che corrisponde al Polo Nord del nostro pianeta. Ogni atomo, sebbene sia detto sferoidale, è più precisamente una sfera leggermente depressa in un dato punto che è il punto attraverso cui fluisce la forza che anima la materia della sfera. Questo vale per tutte le sfere, da quella solare fino a quell’atomo di materia che chiamiamo cellula del corpo fisico. Questa depressione è prodotta dalle radiazioni che procedono in direzione perpendicolare alla rotazione della sfera, e scendono dal nord verso il sud fino a un punto di mezzo. Da qui tendono ad accrescere il calore latente, a produrre nuovo impulso, e a dare una qualità specifica secondo la sorgente da cui le radiazioni provengono. Attraverso la depressione dell’atomo fisico fluisce dall’esterno la forza vitalizzante. Ogni atomo è tanto positivo che negativo; è ricettivo o negativo rispetto alla forza che affluisce, e positivo o radiante rispetto alla propria emanazione e al suo effetto sull’ambiente.
 
Figura 4. Atomo con depressione in cima
 
 
L’immagine dell’atomo rotante di Babbitt mostra chiaramente la depressione a partire dalla cima dell’ovoide allungato fino al fondo della sfera lungo un percorso a spirale per poi ritornare in cima. Questo duplice processo continua all’infinito ma con ogni ritorno all’inizio matura informazioni raccolte lungo il tragitto spirale-ciclico-rotante.
 
Al centro di tutto questo movimento rotatorio-ciclico-spirale si trova il punto di astrazione pura o punto Laya come ampiamente spiegato dal Maestro DK nel Trattato del Fuoco Cosmico. Questo punto di volontà fohatica rappresenta il primo aspetto della divinità nella sua forma più primitiva. La rotazione e il movimento a spirale del suo corpo manifesto rappresentano il secondo e terzo aspetto della divinità e possono essere correlati a qualsiasi organismo dal piccolo atomo su qualsiasi grandi sistemi stellari. Questa inspirazione ed espirazione ciclica sono state descritte in termini esoterici quali cicli di Manvantara (manifestazione) e Pralaya (dissoluzione).
 
L’interazione di forze che vanno in direzioni opposte crea un movimento a spirale doppia o imbuto, un effetto che spinge simultaneamente l’energia verso il basso e nell’atomo uomo, verso i suoi più bassi desideri, emozioni e pensieri, e allo stesso tempo risale ai livelli dell’anima verso una nuova esperienza di bellezza, libertà e amore. Questo doppio movimento a spirale rotante che va in direzioni opposte provoca attrito tra due tipi di sostanze sottili o spirituali e grossolane o materiali.
 
Figura 5. Creazione dell’effetto imbuto nell’atomo
 
 
L’uomo ha per obiettivo di divenire un Manasaputra, che manifesta tutti i poteri inerenti alla mente, diventando così simile alla sua sorgente monadica un Uomo Celeste. Il Suo problema riguarda lo sviluppo del principio della Volontà cosmica che lo farà ciò che è stato chiamato un “Leone di Volontà Cosmica”. Il Maestro DK afferma di lasciare agire il Fuoco occulto, spirituale, in modo che il violento calore radiante e la sua luce bruci tutte le scorie. Solo coloro che possono stare alla luce della loro luminosità del Fuoco occulto a buon diritto essere designati come “Leoni di Dio”.
 
[2] La teoria elicoidale del Sistema Solare è in alcuni casi derisa.
[3] IL CICAP sentenzia: “L'opera scientifica del chimico-fisico Giorgio Piccardi è un esempio significativo di come anche un illustre scienziato possa cadere vittima di un autoinganno”.
[4] https://www.youtube.com/watch?v=C4V-ooITrws.
[5] Dottrina Segreta. II, 258.
[6] Pranava Vada, pp. 72-74.
[7] Trattato del Fuoco Cosmico p. 521
[8] Le Fiamme sono Esseri Spirituali identici, agli “ardenti” Saraph (Serafini) di fuoco, menzionati da Isaia.
[9] Dottrina Segreta II. Antico Commentario-catechismo alle Stanze di Dzyan.
[10] Il nome Kabeiroi significava “i potenti per mezzo del Fuoco”.
[11] A. A. Bailey, Trattato del Fuoco Cosmico, pag. 522.
[12] Trattato del Fuoco Cosmico: “Gli effetti del moto rotatorio”, pag. 152 e segg.
[13] La Terra e la nostra galassia ruotano secondo un osservatore situato sul polo Nord, da ovest ad est, cioè in senso antiorario.
[14] http://www.light-weaver.com/LW-old/raycharts/page3.html
[15] Tutti i fenomeni di correnti terrestri, di magnetismo terrestre e d’elettricità atmosferica sono dovuti al fatto che la Terra è un conduttore elettrico, il cui potenziale cambia continuamente grazie alla sua rotazione ed al moto orbitale annuo, al conseguente raffreddamento e riscaldamento dell’aria, alla formazione di nubi e di pioggia, di tempeste e di venti ecc.
[16] Poiché la Luna ha riversato tutta la sua energia e potenza nel globo più basso (la Terra) della nostra catena planetaria, e le ha trasferite ad un nuovo centro, è divenuta virtualmente un pianeta morto in cui, fin dalla nascita del nostro globo, la rotazione è cessata. D.S. I, 179, ed. ingl.
 
Torna ai contenuti | Torna al menu