Lez. 6 - Le Tre guna e il Triplice Suono- Aether Primordiale - Sapienza misterica

Sapienza Misterica
Vai ai contenuti

Menu principale:

Lez. 6 - Le Tre guna e il Triplice Suono- Aether Primordiale

La Dottrina del Filo d'Oro I Cosmogenesi
LA DIFFERENZIAZIONE DELLA MATERIA - LE TRE GUNA – IL TRIPLICE SUONO

Il Primo Soffio o Suono mette in agitazione la Materia Il Secondo Soffio increspa in onde lo Spazio Cosmico con un movimento incessante eterno, descritto da Pitagora con l’effetto dell’oscillazione della corda di un immenso monocordo(1) . Il Terzo Soffio quieta la materia, fino a mettere fine all’espansione dell’Universo.
Tutto era Tamas (prima che avesse origine la manifestazione), Egli ordinò un mutamento e Tamas prese il colore di Rajas, e Rajas ricevuto un nuovo ordine, rivestì la natura di Sattva.
“Quanto alla Forma, possiamo dare anzitutto uno sguardo agli effetti di questi Aspetti che ottengono ri-sposta dal lato Materia. Naturalmente non sono dovuti ai Logos di un sistema, ma sono la corrispondenza nella Materia universale degli Aspetti del Sé universale. L’Aspetto Beatitudine o Volontà impone alla Mate-ria la qualità di Inerzia -Tamas, il potere di resistere, la stabilità, la quiete. L’Aspetto Attività dà alla Materia la responsività all’azione - Rajas, la mobilità. L’Aspetto Saggezza le dà il Ritmo - Sattva, vibrazione, armo-nia. È con l’aiuto della Materia così preparata che gli Aspetti della Coscienza Logoica possono manifestarsi come Esseri”(2).

FIGURA 1. LA TRIPLICE GUNA

Il Grande Soffio dopo aver circoscritto col suo movimento circolare una porzione dello Spazio che diventerà l’Universo, differenzia il Koilon in Tre Aspetti o Attributi detti in India Guna. Le tre Guna individuano la lunghezza di tre corde astratte nel mondo senza forma che con la loro oscillazione generano i Tre Suoni, i Tre Soffi della Divinità. Guna significa “filo”, corda: la filosofia Indù paragona i Tre stati della Materia a corde musicali, associate a Tre vibrazioni fondamentali, a Tre diversi gradi di tensione o vibrazione, a Tre Suoni. Saranno questi Tre Attributi della Divinità che daranno forma all’Universo, non l’Assoluto, l’Incondizionato che resta nel Silenzio, nelle profondità del Grande Abisso.
La Mente Una Infinita e Universale usa la Materia come Base Fisica, detta in oriente Upadhi, per costruire le sue ideazioni; questa Sostanza del mondo è eterna nella sua essenza, ma, prima della manifestazione, si trova in uno stato di passività e inerzia, da cui esce per l’impulso che le è impresso dal Potere attivo della Divinità, cioè Fohat.

• Tamas è l’inerzia è lo stato di riposo, la stabilità o la base della materia, la contrazione, la forza centripeta.
• Rajas, il movimento, l’espansione, è l’attività frenetica della materia, la forza centrifuga, l’opposto dell’inerzia che rappresenta la forza centripeta.
• Sattva è l’equilibrio, l’armonia, tra le Due Polarità, la causa del movimento rotatorio, la forza che rende possibile la formazione di nuclei di materia.
In ogni vortice o corpuscolo sono sempre in azione le tre corde sonore o Guna della filosofia Sankya, i tre modi della manifestazione della sostanza cosmica, che a ogni livello di aggregazione si manifestano proporzionalmente al proprio sviluppo. Da questi Tre Principi creativi Fondamentali, in gradazione successiva, derivano in ordinata sequenza gli innumerevoli universi che contengono un numero incalcolabile di stelle e sistemi solari manifestati. Ogni sistema solare è la manifestazione della Vita e dell’Energia di una grande Esistenza Cosmica che, in mancanza di un termine migliore, è chiamato Logos Solare. Il costruttore dei mondi materiali, chiamato in occidente Demiurgo, e in oriente Brahma, e dai Teosofi il Terzo Logos cui è associata Guna Rajas. La materia atomica è animata dalla vita o energia del Terzo Logos.
Dapprima Fohat, l’Elettricità Cosmica, forma dei vortici, poi li polarizza, li divide in due campi opposti. La polarizzazione delle bolle avviene perché hanno opposto senso di rotazione interno al proprio asse, una ruota in modo centrifugo o Rajas, l’altra ruota in modo centripeto o Tamas. Questo moto rotatorio attorno al proprio asse si manifesta nei due sensi: destrorso e sinistrorso, fornendola carica positiva e negativa, la particella e l’antiparticella secondo la fisica moderna.
Il Logos tramite una modificazione della sua coscienza, un movimento vorticoso d’inconcepibile rapidità, tramite un potere chiamato Tanmatra (3) “scava buchi nello spazio”. Un Tanmatra è la modificazione della coscienza del Logos. L’azione di Fohat, il Serpente Igneo nello Spazio, è come l’oscillazione di una corda musicale, che mette in rotazione la Sfera celeste, in termini, Fohat volge la sua forza in direzioni contrarie, con le sue due mani la materia cosmica. È quello che la mitologia orientale chiama la frullatura dell’Oceano celeste. Il perno o l’asse del frullamento è rappresentato da Vishnu, la personificazione della Legge Eterna, che periodicamente chiama in attività il Cosmo.

FIGURA 2. I PRIMI VORTICI SONORI CREATI DA FOHAT

Fohat, l’Elettricità Cosmica, forma dei vortici, li polarizza, cioè li divide in due campi opposti. Ogni bolla o vortice può variare il suo spin (rotazione), da destrogiro a sinistrogiro. La polarità dipende dal moto rotatorio, dallo spin. La polarizzazione delle bolle avviene perché hanno opposto senso di rotazione interno al proprio asse, una ruota in modo centrifugo o Rajas, l’altra ruota in modo centripeto o Tamas. Nell’oceano dell’Etere avviene che vortici opposti si uniscano per formare un doppio vortice complessivamente neutro Sattva.
La rotazione produce un suono. L’Induismo insegna che tutta la manifestazione è la “danza di Shiva”, e la medesima dottrina s’impartiva nei Misteri. Quando una Guna vibra, crea un’onda che Suona. Rajas e Tamas creano due onde sonore che viaggiano in direzioni opposte. Sattva come risultato di due moti circolari (vortici) uguali e opposti, crea un’onda sonora stazionaria.

·        Il Primo Logos fa muovere i vortici in modo centripeto e linea retta           Guna Tamas               Suono   A
·        Il Secondo Logos le polarizza e fornisce il moto circolare                         Guna Sattva               Suono U
·        Il Terzo Logos fa muovere i vortici in modo centrifugo e linea retta            Guna Rajas               Suono   M (*)

Il Suono possiede attraverso i tre stati della Materia o Guna, tre aspetti differenti: Srushti, Sthithi e Laya, cioè Creazione, Conservazione, Dissoluzione, funzioni che tradizionalmente appartengono rispettivamente a Brahma, Vishnu e Shiva.

ATTRAZIONE-REPULSIONE-EQUILIBRIO

L’Uno di Pitagora è Androgino, perché contiene sia il positivo sia il negativo, quando si scinde si polarizza nella Diade. La polarizzazione divide in due campi opposti le bolle o vortici. La polarizzazione delle bolle avviene perché hanno opposto senso di rotazione interno al proprio asse, una ruota in modo centrifugo o Rajas, l’altra ruota in modo centripeto o Tamas. L’equilibrio sul proprio asse è Sattva. L’azione della forza centrifuga causa l’espansione dell’Universo, viceversa quella della forza centripeta ne causa la contrazione. Si prendano due trottole e si facciano ruotare una in senso orario e, l’altra in senso inverso (discorde, in simmetria speculare) si osserva che respingono. Se invece si scontrano girando ambedue in senso orario o antiorario (concorde) l’energia si trasforma in calore per attrito e smettono di ruotare cadendo a terra.  
L’equilibrio sul proprio asse è Sattva. L’azione della forza centrifuga causa l’espansione dell’Universo, viceversa quella della forza centripeta ne causa la contrazione. Attrazione e Repulsione sono opposte una all’altra, in definitiva la gravitazione è solo la metà di una legge, mentre l’altra metà della legge si spiega con la parola “repulsione”; e ambedue sono governate dalle grandi leggi della forza elettrica. La filosofia orientale anziché parlare di forza di  gravità, preferisce non usare questo termine perché reputa più corretto parlare di attrazione. Tanto la massa che la stabilità dipendono dalla polarità. La polarità dipende dal moto rotatorio, dallo spin.
Il Punto Centrale da cui tutto emerge, attorno e verso cui tutto gravita è il Primo Logos, Shiva cui è associata la Guna Tamas, l’Attrazione o Gravitazione. L’espansione, è dovuta all’azione di Brahma il nome deriva dalla radice “brih” che significa espandersi, forza espansiva, la Repulsione associata alla Guna Rajas. Nel Timeo, Platone trattando l’azione del Medesimo e del Diverso, precisa che “due cose (le due sfere) non possono essere unite giustamente senza un terzo”; ci deve essere un certo legame che attesti l’unione fra loro. Il legame che nella materia partecipa alla natura di entrambi è la Guna Sattva, associata a Vishnu.
L’Atomo Cosmico creato dalla Mente Universale, è sottoposto all’azione delle Tre Guna:

• Tamas, la forza di attrazione, contrazione che chiamiamo gravità;
• Rajas, una forza di repulsione, di pressione verso l’esterno che possiamo chiamare anti-gravità;
• Sattva, una forza stabilizzatrice che bilancia le prime due.

Quando una Guna o Corda vibra, crea un’onda. Rajas e Tamas creano due onde che viaggiano in direzioni opposte. Sattva come risultato di due moti circolari (vortici) uguali e opposti, crea un’onda stazionaria.
Molti degli esperimenti di Kozyrev mostravano che la direzione del movimento era molto importante ai fini della misurazione dei cambi di peso. Kozyrev determinò che se un giroscopio che veniva fatto vibrare, o ruotare, avrebbe sostanzialmente perso peso se fatto ruotare in senso anti-orario, mentre l’avrebbe mantenuto se fatto ruotare in senso orario. Lo scienziato concluse che ciò dipendeva dal cosiddetto Effetto Coriolis. L’effetto Coriolis provoca un movimento antiorario nell’emisfero settentrionale e uno orario nell’emisfero meridionale, ed è considerata la forza maggiore che sta dietro i movimenti delle stagioni. Tamas e Rajas ruotano in direzioni opposte.
Il primo vortice eterico ruotando in senso orario genera un mulinello che fluisce entrando attraverso il polo nord della Sfera ed esce attraverso il polo sud della Sfera. Il secondo vortice eterico ruotando in senso antiorario, e questo genera un mulinello che fluisce entrando dal polo sud della Sfera ed esce attraverso il polo nord della Sfera.
• La rotazione oraria aumenta la massa;
• La rotazione antioraria diminuisce la massa;
La Filosofia esoterica afferma che ogni atomo (Anu) è tanto positivo che negativo; è ricettivo o negativo rispetto alla forza che affluisce, e positivo o radiante rispetto alla propria emanazione e al suo effetto sull’ambiente. Secondo le descrizioni fatte da Leadbeater e Besant, l’Anu positivo ruota in senso orario, mentre l’Anu negativo ruota in senso antiorario. Nell’Anu positivo la forza proveniente dallo stato di materia più sottile, si riversa nel piano fisico come materia; nell’Anu negativo la materia sparisce dal mondo fisico, come materia oscura.

TAMAS

Gravità, Inerzia. Le equazioni di base per la gravità e l’inerzia funzionano allo stesso modo: gravità e inerzia esercitano la stessa quantità di forza sugli oggetti. Einstein lo scoprì e vi si riferì come “Principio di Equivalenza”, che dice semplicemente “La gravità e l’inerzia sono la stessa cosa”, senza spiegare perché. La Dottrina Segreta afferma che:
La Gravità non è un’azione di aspirazione proveniente da un oggetto, ma piuttosto il Principio con cui tutta la Materia nell’Universo cerca il Centro o l’Unità. L’intero Universo è il Figlio generato dal Grande Soffio (Theos) il Padre Cosmico, e dalla Radice della Materia (Chaos) la Madre Cosmica. Il Figlio è un Essere che evolve costantemente, sforzandosi costantemente attraverso la Gravità di riconnettersi, di raccogliersi nel Centro, di tornare ancora all’Uno.
Pianeti, stelle e galassie possono essere viste come organi nel corpo del Figlio Cosmico, e sono rinfrescati costantemente con nuova forza-vitale momento per momento. Tutti gli oggetti nel nostro Universo, non importa la dimensione, attingono costantemente dall’energia eterica per sostenere la propria esistenza. Senza questo flusso costante di energia per supportarsi, perderebbero calore e si dissolverebbero nell’Etere. Questo flusso eterico, fluendo dentro e fuori, è il Padre-Madre per tutta la Materia formata, la vera essenza della stessa vita. Questo Movimento è il Respiro della Vita, il Respiro Divino. La Gravità, lontana dall’essere una forza di attrazione, è creata dalla pressione del “vento eterico” mentre continua a fluire nella Terra da tutte le direzioni momento per momento, premendo in basso o “curvando all’interno” tutti gli oggetti equamente dallo spazio attorno ad essi.
Il Toroide della Scienza dell’Etere è una forma vuota al suo interno con un canale al centro. Basandoci su questo modello, ogni oggetto materiale nell’Universo, come la Terra, diviene simile a un “lavandino eterico”, dove l’energia dell’Etere fluisce in esso costantemente ed equamente da tutte le direzioni. Se visualizziamo questo flusso d’Etere come un fiume potente nello spazio, abbiamo una visione della forza di Gravità. Questo fiume d’Etere trascina con sé i minuscoli oggetti rispetto alla terra che rimangono schiacciati sul terreno che arresta il loro movimento, mentre l’Etere fluisce attraverso la superficie della terra e continua a fluire direttamente nel centro, ricreando ogni atomo ogni momento. Tamas causa un carico gravitazionale.

FIGURA 3. TOROIDE ENERGETICO


RAJAS

Antigravità, forza centrifuga. Nel caso opposto di un oggetto che irradia all’esterno la sua pressione eterica, forma un vuoto eterico entro se stesso, che l’unico modo per ottenere un effetto antigravitazionale, è quello di forzare l’oggetto a irradiare all’esterno continuamente il suo Etere. Altrimenti, il suo vuoto si riempirebbe immediatamente con altro Etere e il suo peso tornerebbe normale, quindi, come fare in modo che l’oggetto emetta parte della propria pressione di energia? Facendo ruotare l’oggetto. Se si muove un oggetto solo in una direzione attraverso l’Etere, allora come una spugna aspirerà più energia in sé aumentando la massa, se però si ruota, la forza centrifuga causerà l’uscita dell’Etere dall’oggetto. Rajas causa uno scarico gravitazionale.

SATTVA

Equilibrio gravitazionale, Pulsazione. Tamas causa un carico gravitazionale, Rajas causa uno scarico gravitazionale, Sattva li contiene entrambi equilibrandoli. Dal punto di vista della fisica dell’Etere, i due toroidi che ruotano in senso opposto si uniscono.

FIGURA 4. TAMAS – RAJAS - SATTVA

Aspetto fondamentale di quest’onnipresente processo di flusso eterico è la cosiddetta dinamica a Doppio Toroide: due forme toroidali attaccate e ruotanti in direzione opposta. In questo modo l’energia fluisce sia dentro sia fuori attraverso i poli del sistema, piuttosto che dentro da uno e fuori dall’altro come in un sistema a singolo toroide.
I campi sferici di Tamas e Rajas ruotano in direzioni opposte. Il campo che ruota in senso orario, Gravitazionale, ha una velocità leggermente superiore al campo che ruota in senso antiorario, Antigravitazionale, in modo che predomini l’effetto gravitazionale.
E mentre ruotano in senso opposto, i loro “campi bolla” immersi in un super-fluido, riescono a scorrere uno sull’altro oltre, anche se si trovano esposti a un’altissima compressione. I“campi bolla” opposti, tenderanno a scontrarsi fra loro, producendo vibrazioni (pulsazioni). Queste pulsazioni sono la spiegazione delle onde di torsione del fisico russo Kozyrev. Le due bolle si possono unire, dopo di che sono compresse dall’Etere che le circonda, all’interno di questa sferetta, le due energie eteriche continueranno a ruotare in senso opposto. I vortici si scontrano nel centro esatto della Sfera Universale con la più altra velocità di movimento e con la più alta pressione. L’unione fra i due campi bolla ricorda l’intersezione dei Due Cerchi, il Medesimo e il Diverso della filosofia di Platone. Geometricamente il Terzo nato dall’unione dei due cerchi, l’area comune da essi generata è la Vesica Piscis.
Affinché l’intera parte esterna del campo ruoti, deve cambiare direzione nel centro. Questo significa che avendo un vortice che gira in senso orario al Polo Nord, avremo una rotazione antioraria al Polo Sud. Nel centro non c’è rotazione perché la spirale in senso orario si trasforma in spirale in senso antiorario.
Nel 1962, R. Leighton e altri hanno scoperto che la superficie del Sole pulsa regolarmente, questa pulsazione avviene in vari intervalli armonici di tempo che sono esattamente di cinque minuti, né più né meno, crescendo fino a un valore massimo di 160 minuti. Il Sole oscilla in pulsazioni costanti, con la sua superficie che sale e scende di circa tre chilometri. Tutti i dubbi riguardo a questo effetto sono stai eliminati quando una squadra di scienziati francesi, sovietici e statunitensi si sono radunati in Antartide per osservare e misurare attentamente il Sole per cinque giorni completi al Polo Sud. Nel mese di Dicembre il Polo Sud si vede il Sole per 24 ore al giorno. Con tempo generalmente buono e turni continuativi, essi hanno osservato il periodo di oscillazione di 160 minuti così come l’ampiezza di pulsazione di tre chilometri. 

ÆTHER PRIMORDIALE

Æther non è l’Etere della scienza, è il Soffio dell’Anima Universale indicato nell’antichità come “Padre-Madre”. Negli Inni Orfici, Eros-Phanes evolve dall’Uovo Divino fecondato dai Venti Eterici, poiché il Vento significa lo “Spirito di Dio”, o piuttosto lo “Spirito delle Tenebre Sconosciute” — l’Idea Divina di Platone — che si dice si muova nell’Æther. L’Æther, nell’Esoterismo, è la quintessenza stessa di ogni energia possibile ed è certamente a questo Agente Universale (composto di numerosi agenti) che sono dovute tutte le manifestazioni di energia nel mondo materiale, nel mondo psichico e nel mondo spirituale. In oriente è noto come Akasha. La conoscenza dell’Akasha è talmente fondamentale per una comprensione dell’occultismo e delle forze occulte su cui l’intero corpo fenomenico è basato. L’intero universo, e tutto quello che vi si trova, è una condensazione e una modificazione dell’Akasha.
L’Oceano Celeste, l’Æther è il Soffio del Padre, il principio datore di vita, la Madre, lo Spirito Santo, poiché questi non sono separati e la loro unione è la Vita. Il termine Æther in greco significa “splendore”, una sorgente di energia universale che pervade tutto l’Universo. Fino al ventesimo secolo, la tradizione scientifica Occidentale ha prospettato l’esistenza dell’Etere nello spazio, rifacendosi a quanto affermavano sia gli antichi filosofi sia Grechi e sia appartenenti a civiltà ben più antiche con una conoscenza scientifica avanzata. I saggi antichi avevano sostenuto che “la Natura aborre il vuoto”. L’esistenza dell’Etere venne“scientificamente esclusa”dall’esperimento del 1887 di Michaelson-Morley (M-M), ancora oggi nella “vulgata” corrente un pilastro a favore della fondatezza sperimentale della teoria della relatività ristretta(4) e molti scienziati credono ancora che le cose stiano così(5).
Einstein propose di ritornare all’Etere, da lui precedentemente ripudiato nel 1905 e inseguito presentò almeno tre nuovi modelli di etere. Ora il Padre Æther è nuovamente il benvenuto, accolto a braccia aperte e unito alla gravitazione. Nel 1920 Einstein afferma in realtà che “l’ipotesi dell’esistenza dell’etere non contraddice la teoria della relatività ristretta”, mentre nel 1924, scrive: “... nella fisica teoretica, non andiamo da nessuna parte senza l’etere, cioè un continuum di proprietà fisiche definite, in quanto la teoria generale della relatività (…) esclude un’azione diretta a lungo raggio; e ogni teoria a breve raggio assume la presenza di campi continui, e, conseguentemente, l’esistenza dell’etere”. Nell’ultimo modello la materia è vista come un effetto dell’energia nello spazio contenente l’Etere, e non come un corpo estraneo.
La fisica attuale non volendo sentire parlare di Etere preferisce usare la parola campo definita come stato del vuoto. La fisica quantistica predice l’esistenza di un mare sottostante di energia in ogni punto dell’universo, è stata anche definita come l’energia del Punto Zero (ZPE): il più basso livello di energia possibile nel vuoto. Il vuoto quantistico essendo la fonte originante delle forze elettromagnetiche, gravitazionali e nucleari conosciute e dei campi, è la fonte stessa della materia. Le definizioni tecniche del vuoto quantistico puntano a un mare continuo di energia in cui le particelle di materia sono sottostrutture specifiche.
La teoria dell’esistenza dell’Etere dopo essere stata cancellata è tornata prepotentemente in ribalta(6). Come i pesci nel mare, la pressione di questo fluido energetico ci circonda costantemente, benché noi non notiamo la sua presenza. Aether può essere visualizzato come un’essenza “fluida” che, grazie a moti rotazionali, genera bolle sferiche che permeano l’universo. È attraverso il suo movimento che da Aether prende forma il MEST (Materia-Energia-Spazio-Tempo): in quest’ottica gli atomi non sarebbero altro che formazioni vorticose di Aether, mentre tutti i campi di forze sarebbero solo l’effetto risultante dei moti, sia rotatori sia a spirale, di Aether. L’Aether ha dunque natura fluidodinamica. Il fluido eterico è una sorgente di tremenda energia in costante movimento vibrazionale, che fluisce attraverso ogni oggetto nell’Universo, creandoli e ricreandoli ogni secondo, come la fiamma di una candela assorbe costantemente nuova cera e ossigeno e irradia nuovo calore e luce, ma continua ad esistere come unità misurabile. Se questo Etere smettesse di fluire e ruotare in modo intelligente e con un certo proposito, tutta la massa si dissolverebbe gradualmente e ritornerebbe al suo stato energetico primordiale; la fiamma si spegnerebbe. Nella nuova fisica emergente, le particelle Newtoniane e la dualità particella-onda sono abbandonate. Alcuni scienziati suppongono che l’Etere sia un’energia sottile che fluisce attraverso tutte le cose materiali come fosse un liquido, creando il mondo materiale. In effetti, questa nuova fisica del 21° secolo, ci dice che i mattoni della massa, gli atomi e le molecole, non sono particelle. Invece, sono non più che vortici sferici di energia in questo fiume d’etere(7).
Nel 1913, il fisico Eli Cartan dimostrò per primo che lo spazio tempo nella teoria della relatività generale di Einstein non solo “curvava”, ma possedeva in se stesso anche un movimento di rotazione o spiraliforme conosciuto come “torsione”. Questa parte della fisica viene collegata esplicitamente alla Teoria Einstein-Cartan, o ECT. La teoria di Cartan da principio non venne presa troppo sul serio, poiché fu formulata prima dell’epoca della fisica quantistica, durante un periodo in cui si credeva che particelle elementari come gli elettroni rotassero o girassero intorno al nucleo. La maggior parte delle persone non sa che oggi è generalmente accettato che lo spazio che circonda la Terra e probabilmente l’intera Galassia possiede una rotazione destrorsa, il che significa che l’energia sarà influenzata a girare in senso orario come se viaggiasse attraverso il vacuum fisico.
Il Serpente (Vortice) Celeste, cominciò le sue circonvoluzioni crescendo di forza e maestà e producendo, con la sua fecondità immensa, milioni di “serpenti-vortici” minori.
La sensazionale prova scientifica che tutta la materia fisica è formata da un “etere” di energia invisibile e cosciente risale almeno agli anni cinquanta. Il rinomato astrofisico russo prof. Nikolaj A. Kozyrev (1908-1983) ha dimostrato senza ombra di dubbio che una simile sorgente di energia deve esistere. Alla fine degli anni ottanta, il fisico russo Anatoly Akimov ha sviluppato un modello molto sofisticato di fisica teorica “i campi di torsione” che considera l’esistenza dei vortici nel vuoto quantistico – che come si sa non è realmente vuoto bensì costituito da un continuo ribollire di particelle e anti-particelle virtuali – le quali sarebbero creati da tutti gli oggetti dalle particelle alle galassie. Dalle sue osservazioni illuminate nel campo di prigionia staliniano, Kozyrev ritenne che tutte le forme di vita dovessero essere composte di una forma di energia invisibile a spirale; e il risultato di ciò fu che egli divenne una delle figure più controverse nella storia della comunità scientifica russa. Anche il Tempo, secondo Kozyrev, non sarebbe, infatti, altro che il risultato del movimento spiraliforme di Aether (onde di torsione).
La legge del movimento vorticoso nella materia primordiale è una delle più antiche concezioni della filosofia greca, i cui primi Sapienti conosciuti storicamente, erano quasi tutti Iniziati agli antichi Misteri. I greci la ricevettero dagli egiziani, e questi ultimi dai caldei, essi stessi allievi dei Brahmani della Scuola Esoterica. Leucippo e Democrito di Abdera — quest’ultimo discepolo dei Magi — insegnavano che questo movimento rotatorio degli atomi e delle sfere esisteva ed esiste per l’eternità. Hicetas, Eraclite, Ecphantus(8), Pitagora e tutti i suoi discepoli insegnarono la rotazione della terra; ed Âriyabhata dell’India, Aristarco, Seleuco ed Archimede, calcolarono la sua rivoluzione tanto scientificamente quanto i nostri astronomi moderni, mentre la teoria dei Vortici Elementari era conosciuta e sostenuta da Anassagora nel 500 a. C., cioè circa 2000 anni prima che fosse scoperta da Galileo.
Senza rotazione nessuna delle realtà può esistere, tutto ruota. La rotazione, fondamentale per la creazione, in fisica è definita dallo spin. David Thomson e Jim Bourassa hanno fondato il Quantum Aether Dynamics Institute e stanno sviluppando indipendentemente un modello eterico che integra e unifica la meccanica quantistica, la teoria della relatività e la teoria delle stringhe. Il modello descrive la materia come vortice subatomico, un turbine nell’Etere. Lo hanno chiamato Toroide, Toroidal Æther Unit (TAU). Il modello matematico del TAU è interessante perché prevede delle stringhe avvolte a spirale, proprio come per l’ANU la particella descritta da Leadbeater e Besant in Chimica Occulta.

FIGURA 5. AETHER UNIT

Un toroide possiede un asse centrale con un vortice ad entrambe le estremità e un campo coerente circostante. Il toroide è un vortice di energia a forma sferica con due depressioni polari, l’energia fluisce in un vortice, attraverso un asse centrale, esce dall’altro vortice e quindi si avvolge su di sé per tornare al primo vortice entrante. In fisica delle particelle la forma del toroide è nota per fornire un miglior ambiente all'interno del quale accelerare le particelle. La geometria toroidale è interessante come spazio per accumulare l’energia dei magneti, perché si traduce in piccoli campi magnetici esterni. Il toroide è anche la forma delle galassie a spirale. Le stelle si spostano dal disco galattico verso l’esterno, scendono nel vortice quindi tendono a spostarsi verso l’esterno. Le galassie hanno una forma toroidale in cui i buchi bianchi rilasciano energia, mentre i buchi neri la risucchiano al loro interno. Lo scienziato e filosofo Arthur Young, ha spiegato che un toroide è l’unico modello di energia o dinamica, che può autosostenersi ed è fatto della stessa sostanza che lo circonda, come un tornado, un anello di fumo nell’aria o un vortice nell’acqua.
Che cosa sviluppa l’universo? Sistemi auto-organizzanti e cioè visibili a ogni scala. È un sistema capace di organizzare se stesso. In natura troviamo queste forme auto-organizzanti ovunque: nella sezione trasversale di un’arancia o in quella di una mela; nella natura dinamica di un tornado o ancora nel campo elettromagnetico intorno alla terra, o nell’analogo campo elettromagnetico che circonda l’essere umano così come nella struttura di un'intera galassia a spirale o di un atomo.
La forma geometrica utilizzata per descrivere la natura auto-riflessiva dell'universo è il toro. Il toroide consente a un vortice di energia di scorrere verso l'esterno per poi ritornare all’interno del vortice. Così l’energia di un toroide si rigenera continuamente e allo stesso tempo si espande autoriflettendosi su se stessa.

FIGURA 6. DOPPIO TOROIDE

Uno dei postulati di Einstein, che ha generato molta confusione, è che la massa continui ad aumentare man mano si avvicina alla velocità della luce. Quando un oggetto si muove attraverso lo spazio, significa che sta attraversando l’Etere. Visualizzando l’oggetto come una spugna, che si muove attraverso il fiume di Etere, lo vedremo assorbire più fluido e di conseguenza la sua massa aumenterà. All’opposto, rallentando sua massa diminuirebbe, la spugna rilascerebbe fluido, come un pallone che rilascia l’aria extra messa in precedenza. È il fluido che crea l’oggetto momento per momento.
La Quantum Aether Dynamics afferma che l’Etere ha proprietà sia meccaniche sia elettromagnetiche. La proprietà meccanica è quella che da massa alla materia, è il momento angolare dell’energia eterica rotante. La massa è semplicemente l’inerzia creata dai vortici eterici. Lo spin dei vortici eterici che deve essere mantenuto per la stabilità della materia nell’universo è detto Gforce o God Force (Forza Divina, Fohat per la Dottrina Segreta). L’Aether Dynamics la definisce una forza enorme senza causa conosciuta.
La teoria dell’Etere definisce le seguenti grandezze:

1. Campo elettrico: è un vettore nel campo scalare o per dirlo in termini più semplici una tensione o uno “stress” nell’Etere che normalmente è scalare, non per nulla si chiama “tensione” perché il campo elettrico è costituito da una zona di spazio dove l’Etere ha due gradazioni differenti di pressione.
2. Campo magnetico: è costituito da un movimento di Etere chiuso, proprio come dimostra la limatura di ferro con sotto la calamita.
3. Campo gravitazionale: è un movimento di Etere a spirale; l’analogia con il campo magnetico è evidente. Il campo gravitazionale è generato come spazio-temporale che curva verso il centro del sistema, mentre la radiazione elettromagnetica viene prodotta quando le forze centrifughe vicino al centro costringono a espandere irradiare. La radiazione elettromagnetica è quindi collegata alla curvatura dello spazio-tempo (gravità) e alla rotazione, allo spin.
4. Tempo: è il movimento spiraliforme dell’Etere con un verso che può essere destrorso o sinistrorso, accelerato o rallentato, e, infatti, la gravità modifica il tempo e lo spazio proprio perché ha moto spiraliforme.
5. Materia: è costituita da entrambe le componenti elettriche e magnetiche, più in particolare un atomo è costituito da un vortice sferico-toroidale di Etere, più precisamente da due vortici controrotanti uniti. Questo implica un campo magnetico perché essendo uniti i due vortici creano una linea chiusa nell’Etere ma al tempo stesso un campo elettrico perché si crea alle estremità una differenza di pressione.

Il Campo Unificato è assimilabile al Tao che non può essere nominato e descritto. Il Campo Unificato di energia infinita è conosciuto comunemente come campo di Punto Zero o vuoto dello spazio, più recentemente chiamato plenum, esso è lo stato che precede la realtà manifesta. Dove l’energia diviene manifesta, collassando dal Punto-Zero, forma immediatamente una dinamica polarizzata, creando la forma fondamentale del flusso energetico detto Toroide. Tutto, dalle particelle atomiche ai campi elettromagnetici, alle configurazioni meteorologiche, agli alberi, a noi, agli ecosistemi, ai pianeti, alle stelle e galassie, è toroidale in natura. L’Universo è una frattalizzazione di flussi energetici toroidali incorporati. Il vacuum eterico della fisica è un mezzo di comunicazione estremamente denso e senza frizione. L’Etere è paragonabile a un fluido super-conduttivo, il miglior confronto in natura è lo stato super-conduttivo dell’elio, infatti,quando viene raffreddato ad una temperatura inferiore ai 2° Kelvin diventa un super-fluido, che gli oggetti possono attraversare senza risentire della frizione.
L’Insegnamento arcaico occidentale e orientale riconosce l’identità del “Padre-Madre” con Æther, l’Etere Primordiale. L’Idea Divina di Platone — che si dice si muova nell’Æther.
Si pensa che i solidi Platonici siano le strutture geometriche interne dell’atomo. Questa è la ragione per cui la geometria pitagorica è così importante in questa nuova teoria eterica. Secondo la visione della fisica eterica, il nostro universo è multidimensionale ed è composto di una sola sostanza. Questa sostanza è chiamata Etere ed è una energia vibrante simile a un fluido che permea il vacuum fisico. La materia come la conosciamo è creata momento per momento come onda stazionaria, un vortice nel vacuum fisico. Il centro condensato di questi vortici crea l’illusione di una particella separata. Tutta la materia nell’universo è interconnessa dato che i campi della particella si estendono agli angoli estremi dell’universo.
La nuova teoria “Cinetica Subquantica” è un nuovo paradigma microfisica che incorpora concetti sviluppati nel campo della teoria dei sistemi e termodinamica di non equilibrio. Invece di cominciare le osservazioni fisiche, la cinetica subquantica inizia postulando una serie di ben ordinati processi di reazione,che collettivamente, compongono quella che viene definito l’Etere di trasmutazione primordiale composto sottili “Etheron”o particelle.
Nella seconda metà del XX secolo la teoria di campo quantistica è stata estesa alla descrizione delle interazioni forti che avvengono all’interno del nucleo fra i quark e gluoni, con la cromodinamica quantistica. Alla fine del 1970 Stephen Phillips, allora studente laureato in fisica presso l’Università della California, conseguì la laurea utilizzando alcuni dei diagrammi riportati in Chimica Occulta. Il dottor Phillips scoprì che le descrizioni chiaroveggenti di Besant e di Leadbeater degli elementi chimici erano completamente in linea con le teorie Quark, Quantum Chromodynamic e delle Super-Stringhe della moderna fisica subatomica. Fornì questi dettagli in un suo libro del 1980, in cui Phillips riconcilia la Chimica Occulta con la fisica moderna dei quark. Contrariamente a quanto ci si potrebbe aspettare la maggior parte dei fisici, ha considerato seriamente e con interesse il lavoro dei due chiaroveggenti, e il risultato finale è stato un importante validazione tecnica dei dati ottenuti da Leadbeater e Besant. Stephen Phillips ha reinterpretato Besant e Leadbeater precisando che gli Anu non sono gli atomi, ma dei sub-quark. In Chimica occulta Besant e Leadbeater hanno descritto la natura sub-quantica della materia fisica nel 1895,con un secolo di anticipo! L’Anu descritto in Chimica Occulta è stato chiamato UPA (Ultimate-Physical-Atom).
In accordo con l’attuale teoria dell’Etere i due UPA opposti positivo e negativo, costituiscono gli stati della materia e anti-materia, e che alla luce delle scoperte di Leadbeater e Besant la rotazione dell’UPA positivo fa scorrere verso l’esterno le sue energie creative, nella nostra realtà, mentre la rotazione dell’UPA negativo trasmuta la materia in anti-materia, inviando l’energia dalla nostra realtà fisica verso l’Etere. Sul suo sito, Paul LaViolette a proposito dell’UPA dice: “Il flusso vorticoso dell’Etere, che Leadbeater e Besant hanno visto scorrere dentro e fuori dal centro della particella corrisponde alle previsioni della sub-quantistica cinetica. Per la scienza esoterica l’atomo Anu del piano Fisico è tutt’altro che unitario, perché risulta formato da 496 (circa 14milioni) di bolle omicron nel Koilon, o bolle di schiuma subquantica.
Nel 1982 un’équipe di ricerca dell’Università di Parigi, diretta dal fisico Alain Aspect, ha scoperto che, sottoponendo a determinate condizioni delle particelle subatomiche, come gli elettroni, siano capaci di comunicare istantaneamente una con l’altra indipendentemente dalla distanza che le separa, sia si tratti di metri o di miliardi di chilometri. Significa che siamo fondamentalmente UNO, uniti nell’Unico Campo Cosciente e che le “distanze locali” sono solo un’illusione perché la materia non è altro che Pura Coscienza-Energia (Intelligenza) condensata in forme differenti (locali). I fisici quantistici hanno scoperto che la materia è “vuota”, e che materia non è ma un’informazione-pensiero condensata.
Il campo quantistico della fisica subatomica è visto come un mezzo continuo presente ovunque nello spazio. Le particelle sono soltanto condensazioni locali del campo, concentrazioni di energia che vanno e vengono e di conseguenza perdono il loro carattere individuale. A. Einstein diceva: “ Noi possiamo considerare la materia costituita dalle regioni dello spazio nelle quali il campo è estremamente intenso(9)”. Il Campo è la sola realtà, se sostituiamo la parola campo alla parola Spazio della Dottrina Segreta, avremo espresso lo stesso concetto. L’elettrone è una porzione di questo campo in cui l’energia è concentrata in un piccolissimo spazio, un “nodo di energia”, che si propaga attraverso lo spazio come “un’onda sulla superficie del mare”. Il ricercatore Paul LaViolette(10) crede che la cosmologia degli antichi sia una miglior alternativa che non soffre dei problemi della singolarità(11) del Big Bang. Esaminando da vicino i miti di creazione dell’antico Oriente e del Mediterraneo, Paul LaViolette vede molti parallelismi con le scoperte attuali della fisica. In realtà, le storie antiche sembrano essere un linguaggio quasi codificata della scienza, e che una teoria della cosmologia emerge da queste storie di ordine dal caos.
La fisica ha determinato che, a livello quantistico, esiste solo una fluttuazione di energia che interagisce in schemi, strutture e flussi dinamici e che questi creano ciò che noi percepiamo come realtà, quando la coscienza osserva questa dinamica quantistica, che collassa da uno stato di potenziale infinito in esistenza manifesta. Per i fisici è disponibile un nuovo modello per comprendere il cosmo, la Cosmometria. La premessa della Cosmometria è che l’universo è un fenomeno frattale-olografico(12) composto di un gioco di energia e coscienza. L’energia e la coscienza coesistono sempre e solo nella creazione continua in tutte le scale dimensionali. Secondo molti antichi cosmologi, l’universo si è evoluto in miliardi di anni come risultato di un continuo processo di creazione di materia ed energia da un reame ipoteticamente quadri-dimensionale, l’Etere.

-------------------------------------------------
(*) Rispetto alla versione precedente è stato corretto un errore a Shiva corrisponde il suono A.
[1] Il Monocorde è costituito da una sola corda tirata su una struttura di legno. Si dice che Pitagora abbia detto: “Studiate il monocorde e scoprirete i segreti dell’universo”.
[2] Annie Besant - Studio sulla coscienza - Ed. Sirio p.22.
[3] Letteralmente significa “misura di ciò, quiddità” e sta a significare gli elementi sottili che sono il substrato (la misura) sia dell’esperienza sensibile, sia dello sviluppo degli elementi grossolani.
[4] A. Einstein non lo cita esplicitamente nel suo lavoro iniziale del 1905 (ma del resto in quell’articolo non cita niente!), e si limita a fare un riferimento generico a infruttuosi tentativi sperimentali di rilevare il moto della Terra attraverso l’etere lumini fero.
[5]Ci sono diverse ragioni per invalidare l’esperimento di M-M.
[6] Le nuove teorie si chiamano “Fisica Sequenziale”, “Cinetica Subquantica”, “Nonequilibrium Thermodynamics”, “General System Theory”, “Reciprocal System Theory”, “Harmonic Universe Theory”, “Maxwell /Whittaker scalar-wave physics”, “Hyperdimensional Physics” e altre “Unified Field Theories”, concordano tutte sul punto per cui la nostra realtà fisica si elevi da questa sostanza energetica nascosta.
[7] Le nuove teorie sono da sempre avversate ed è naturale che sia così. L’establishment universitario che si autodefinisce come scientifico, quasi sempre sovvenzionato dall’industria, che indirizza e sponsorizza sul tipo di ricerca da fare, è assai duramente polarizzato contro chiunque si avvicini a una teoria “eterica”.  L’establishment sa che una simile teoria (la loro) è palesemente falsa, e si batteranno vigorosamente per contrastare ogni passaggio verso la verità sull’Etere.
[8]Hicetas, seguace di Pitagora, probabilmente fin dal 500 a.C. Ecphantuse da Eraclide, allievo di Platone.
[9] Citato da F. Capra, Il Tao della Fisica.
[10]Paul A. LaViolette, Ph.D, è l’autore di The Talk della Galassia, Terra Under Fire, Genesi del Cosmo (Al di là del Big Bang), cinetica di Subquantum, ed editore di una visione sistemica dell'uomo.
[11]Una singolarità è un punto dello spazio-tempo (considerato come una stessa entità geometrica) in cui la forza gravitazionale diviene infinita e quindi la teoria della Relatività Generale di Einstein non a spiegare più nulla.
[12]La visione Frattale-Olografica è piuttosto semplice e dice che lo stesso schema si ripete in tutte le scale (frattale) e che il tutto è presente ovunque in ogni momento (olografico).

Torna ai contenuti | Torna al menu